Boom di firme per cacciare Sgarbi: già oltre 40.000 siglano la petizione :ilSicilia.it
Banner Bibo

il web si mobilita

Boom di firme per cacciare Sgarbi: già oltre 40.000 siglano la petizione

di
18 Marzo 2018

Dopo la mozione di censura all’Ars presentata dai Cinquestelle, a soli dieci giorni dal lancio sulla piattaforma Change.org, la petizione per la revoca di Vittorio Sgarbi dall’incarico di assessore regionale ai beni culturali e all’identità siciliana ha superato già le 40mila firme. (CLICCA QUI)

Un grande successo che certifica il malcontento dei siciliani nei confronti del critico d’arte e le sue “uscite” non proprio felici. La petizione è stata lanciata dal MoVimento 5 Stelle di Agira. Ecco cosa scrivono nella lettera indirizzata al presidente Musumeci:

«E’ ora di dire, con forza, BASTAIl popolo siciliano è stanco delle continue e reiterate offese ricevute durante questa campagna elettorale da Vittorio Sgarbi, attuale Assessore ai beni culturali e dell’identità siciliana del Governo Musumeci.

Questa petizione è difatti indirizzata direttamente al Presidente della Regione, e con la presente si chiede la revoca immediata della nomina. sgarbi al cessoLe motivazioni sono sotto gli occhi di tutti: messaggi sui social dalla tazza del water, apparizioni televisive che offendono la dignità, l’onestà e l’intelligenza di ogni siciliano, al di là dell’orientamento politico.
Presidente Musumeci, quale identità siciliana viene promossa dal suo Assessore? Ma soprattutto, può un uomo non siciliano, che ha una pessima ed immotivata concezione dell’essere siciliani, rappresentarci nel Paese e nel mondo?

Presidente Musumeci l’articolo 54 della Costituzione recita: “… I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore…”. Quale onore riscontra nel Suo Assessore, che nei salotti e nelle trasmissioni televisive nazionali e locali vomita giudizi irripetibili sul popolo che Lei rappresenta?

Considerato che Vittorio Sgarbi è stato eletto nel proporzionale alla Camera per Forza Italia, ci auguriamo che lasci spontaneamente l’assessorato: milioni di siciliani, veri, nati e cresciuti qui, sono senza ombra di dubbio più titolati e più meritevoli nel diffondere i veri valori e la giusta dimensione della storia, delle tradizioni, dell’orgoglio e dell’identità della nostra Regione.

Presidente Musumeci, revochi il Suo Assessore, prima che con smacco, superficialità e mancanza di rispetto per il ruolo ricoperto esso lasci “l’umile poltrona siciliana” per lo scranno romano».

 

Il video del M5S Sicilia con la deputata Valentina Zafarana:

L’ultima di Sgarbi, ancora beccato da Striscia:

 

LEGGI ANCHE:

Sgarbi ormai senza freni: “Di Maio è gay, il fidanzato è…”[IL VIDEO]

Sgarbi, nuovo record di insulti. Le figure dell’assessore ai Beni culturali della Sicilia [VIDEO]

Sgarbi “incastrato” da Striscia, tuona contro Ficarra e Picone: “Fanno le marchette al M5S” | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti