Boom di marijuana legale, in Sicilia aperti già 7 negozi :ilSicilia.it

Tre negozi aperti a Palermo e uno rispettivamente a Catania, Messina, Trapani e Caltanissetta

Boom di marijuana legale, in Sicilia aperti già 7 negozi

di
15 Giugno 2017
Questa primavera 2017 sarà ricordata per il fiorire di negozi per la vendita di marijuana legale, con 85 punti vendita del marchio EasyJoint sorti in questi ultimi mesi in tutta Italia. Un vero e proprio boom, anche in Sicilia. Nell’Isola, infatti, ne sono stati aperti 7 nel giro di poche settimane: tre a Palermo e uno rispettivamente a Catania, Messina, Trapani e Caltanissetta. E il trend in forte crescita.

Sin dal primo giorno i negozi, sia fisici che online, sono stati presi d’assalto, tanto che a causa dell’elevato numero di richieste i responsabili sono stati costretti a sospendere gli ordini. Sono, infatti, tantissimi coloro che hanno acquistato il prodotto messo in vendita dalla catena. Vasetti da 8-10 grammi venduti al prezzo di 17 euro. Si tratta di una particolare varietà di erba chiamata “Eletta Canapa” che produce un’infiorescenza con un livello di Thc, ovvero il principio psicoattivo della marijuana, inferiore al limite di legge.

Un enorme successo imprenditoriale, ma gli ideatori tendono a sottolineare la valenza politica e sociale dell’iniziativa. Come si legge nel sito, “EasyJoint è un progetto che attraverso la commercializzazione e la valorizzazione delle infiorescenze di Canapa Sativa Legale di elevata qualità contribuisce al processo di legalizzazione in Italia”. Una discussione, quest’ultima, che ormai si protrae da tempo. Molti esponenti del mondo della scienza e della cultura hanno lanciato appelli in favore della legalizzazione, ma il Parlamento, dove già sono stati presentati diversi disegni di legge, continua a tergiversare.

Lo Stato italiano vieta la produzione e la vendita di cannabis, tranne che per usi scientifici e farmaceutici, poiché la considera sostanza stupefacente quando il suo contenuto di tetraidrocannabinolo supera lo 0.6%. Da qui l’idea di sfruttare le maglie della norma per commercializzare la marijuana con una percentuale di Thc al di sotto di questa soglia, accendendo così i riflettori sul tema al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica e fare pressione sulla politica.

L’erba venduta da EasyJoint non ha nulla a che vedere con quella da strada. Infatti, oltre a contenere un principio psicoattivo molto blando, ha un livello basso di cannabidiolo (inferiore al 4%Cbd), ovvero il principio che ha effetti sedativi. Per questo ha stimolato la curiosità non solo di chi fa consumo di droghe leggere, ma soprattutto di tante persone comuni che volevano provare l’erba alla stregua di un qualsiasi prodotto omeopatico.

La materia prima utilizzata è lo scarto della produzione italiana di canapa sativa destinata all’industria. È coltivata senza l’impiego di alcun additivo chimico, selezionata e recisa a mano ed essiccata naturalmente. Una trovata davvero geniale che consente agli agricoltori di valorizzare un materiale fino ad oggi usato come fertilizzante e a EasyJoint di vendere un prodotto a basso costo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.