Boom ristorazione anche in Sicilia, Patrizia Di Dio: “Finalmente si punta sulle eccellenze enogastromiche” :ilSicilia.it

il commento della presidente di Confcommercio

Boom ristorazione anche in Sicilia, Patrizia Di Dio: “Finalmente si punta sulle eccellenze enogastromiche”

16 Giugno 2019

Registriamo con favore il “boom” della ristorazione che da otto anni a questa parte sta interessando il nostro Paese con punte del + 6,3% in Sicilia, secondo l’analisi Unioncamere-InfoCamere, sui dati del Registro delle Imprese, e il fatto che a livello provinciale tra le prime città ci siano Siracusa, Catania, Palermo e Trapani con percentuali superiori al 50% è una buona notizia, perché significa che la Sicilia finalmente sta puntando sulle sue eccellenze, sulla qualità enogastronoimiche, sulla sua identità nel segno della qualità, della bellezza e del benessere”, lo afferma la presidente di Confcommercio, Patrizia Di Dio che commenta i dati positivi relativi alle attività nel settore della ristorazione con somministrazione.

I turisti – aggiunge – in Sicilia non trovano soltanto cultura, arte e bellezze architettoniche, anche la cultura enogastronomica è diventata uno dei settori più trainanti, grazie anche a prodotti tipici locali sui quali stiamo da tempo puntando come offerta. Tuttavia – conclude Di Dio – non ci si può basare esclusivamente su questo settore, ma ci auguriamo uno sviluppo anche dei settori del design, dell’artigianato di qualità, della tecnologia digitale, del mercato immobiliare”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.