"Borghi in Festival", 8 vincitori in Italia: uno è in Sicilia, il Mibac premia Prizzi :ilSicilia.it
Palermo

bando rigenerazione territori

“Borghi in Festival”, 8 vincitori in Italia: uno è in Sicilia, il Mibac premia Prizzi

di
5 Giugno 2021

Sono 8 i progetti vincitori dell’avviso pubblico “Borghi in Festival. Comunità, cultura, impresa per la rigenerazione dei territori”, 7 dei quali presentati da Comuni in rete e 1 singolarmente, per un totale di 52 Comuni coinvolti su tutto il territorio nazionale.

“I borghi italiani costituiscono la spina dorsale del nostro Paese, dove si è formata parte considerevole della nostra identità – afferma il ministro della Cultura, Dario Franceschini – Per questo il governo ha fortemente voluto un piano nazionale per il recupero di queste realtà, finanziandolo con un miliardo di euro nel contesto del Pnrr. Queste risorse verranno utilizzate per restaurarne gli spazi pubblici e gli edifici storici, migliorare i collegamenti fisici e digitali alle reti infrastrutturali nazionali, incentivare le iniziative imprenditoriali e commerciali nelle aree interne del Paese, incoraggiandone il ripopolamento già in atto”.

La direzione generale Creatività Contemporanea del ministero della Cultura – spiega una nota dello stesso Mic – ha potuto reperire ulteriori risorse per incrementare di 563.000 euro il budget inizialmente previsto di 750.000 euro, per un totale complessivo di 1.313.000 euro, in modo da permettere a tante differenti realtà, distribuite sul territorio italiano, di intraprendere progetti che puntino alla rigenerazione dei territori e che siano allo stesso tempo fortemente connessi alle comunità.

Un ulteriore stimolo ai Comuni ad agire come una filiera, unendosi in rete e avviando partnership con enti istituzionali, privati, associazioni e cittadinanza attiva. Obiettivi strategici principali dell’avviso pubblico sono: la promozione e il sostegno della qualità e delle eccellenze dei territori dei borghi italiani; la costruzione di opportunità per il miglioramento socio-economico delle aree individuate, anche prevedendo l’incubazione di imprese culturali e creative innovative di comunità e promuovendo attività di rigenerazione urbana a medio e lungo termine; la promozione e il sostegno di contenuti innovativi nelle attività di educazione, formazione e sviluppo; il rafforzamento e l’integrazione dell’offerta turistica e culturale dei territori; lo sviluppo di un approccio progettuale integrato e pratiche innovative ed inclusive; l’incentivo di progettualità orientate alla sostenibilità, anche attraverso l’impiego delle nuove tecnologie.

L’obbligatorio coinvolgimento di partner profit e non profit previsto da “Borghi in Festival” permette inoltre una diffusione capillare dei progetti a livello locale, provinciale e regionale, attraverso la stipula di specifici accordi di partenariato. La Commissione, nel valutare i dossier, ha tenuto conto in particolare dell’innovatività, della sostenibilità e dell’accessibilità delle proposte presentate, nonché del coinvolgimento della cittadinanza e dell’impatto sul territorio, con particolare attenzione alle aree prioritarie e complesse.

I progetti vincitori prevedono la realizzazione di un fitto programma di eventi culturali, concerti e spettacoli teatrali, performance e reading, laboratori e workshop; sono coinvolte anche le attività produttive, che promuovono l’artigianato artistico locale e l’eccellenza del “saper fare”; sono organizzati percorsi alla scoperta dei territori, tavole rotonde e residenze per artisti; focus sui temi dello sviluppo sostenibile e della rigenerazione territoriale, anche post-sisma, e recupero di spazi in disuso da restituire alla collettività; particolare attenzione è dato allo scambio di buone pratiche, all’utilizzo di elementi di innovazione tecnologica e alla nascita di percorsi di formazione destinati ai giovani abitanti dei borghi.

I progetti selezionati sono stati presentati dai seguenti Comuni capofila:

  •  Comunanza, provincia di Ascoli Piceno (Marche) PUPUN F.F. FESTIVAL – FILERE FUTURO FESTIVAL DEL PICENO
  • Prizzi, provincia di Palermo (Sicilia) SICANI CREATIVE FESTIVAL
  • Orani, provincia di Nuoro (Sardegna) ABITARE CONNESSIONI
  • Stregna, provincia di Udine (Friuli Venezia-Giulia) IKARUS – INTEGRAZIONE, CULTURA, AMBIENTE, RURALE, SOSTENIBILE
  • Valloriate, provincia di Cuneo (Piemonte) NUOVE VISIONI PER NUOVI MONDI
  • Mulazzo, provincia di Massa e Carrara (Toscana) LUNIGIANA LAND ART
  • Revine Lago, provincia di Treviso (Veneto) SSSCH FESTIVAL
  • Roghudi, provincia di Reggio Calabria (Calabria) ARCADIA – PROGETTO PER LA VALORIZZAZIONE DELL’AREA GRECANICA .

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.