Borgo dei Borghi 2019: Castelmola lotta per la finalissima :ilSicilia.it
Messina

Oggi, 17 ottobre, l'ultimo giorno di votazioni

Borgo dei Borghi 2019: Castelmola lotta per la finalissima

17 Ottobre 2019

È arrivato il rush finale per la seguitissima competizione Il Borgo dei Borghi che ha visto, Castelmola (ME), grande protagonista in ambito promozionale e garantito enorme visibilità in tutta Italia.

Castelmola

Oggi, giovedì 17 ottobre è l’ultimo giorno utile per votare (QUI): e al grido “Vota Castelmola, vince la Sicilia”, il Borgo messinese punta adesso ad approdare alla finalissima di domenica 20 ottobre che sarà trasmessa in prima serata su Rai 3, in cui si sfideranno i 20 Borghi più votati.

Un ampio pubblico, particolarmente appassionato, segue con fervore la pagina Facebook ufficiale Castelmola Borgo dei Borghi, volano promozionale principale, cresciuta esponenzialmente in poche settimane, attestandosi oltre i 3500 like, che ha registrato, ad oggi, una copertura totale di oltre 320 mila visualizzazioni uniche. L’eventuale vittoria garantirebbe ulteriore popolarità in ambito nazionale ed internazionale e forte impulso alla crescita e allo sviluppo del territorio, specie in ambito turistico.

Castelmola

Il paesino jonico, che è un luogo davvero unico, molto apprezzato da visitatori provenienti da tutte le parti del mondo, un vero gioiello ricco di storia e arte, rappresenta con i suoi panorami mozzafiato un’estensione naturale della vicina Taormina. Ancora una volta, Castelmola, che vuole vincere, per fare grande un’altra volta la Sicilia, invita i siciliani tutti, quelli residenti nel resto d’Italia e all’estero, ma anche le migliaia di turisti che ogni anno ammirano le meraviglie del Borgo a votare e a fare votare ancora una volta questo Borgo delle meraviglie. Un luogo di malìa, Castelmola, in cui storia e mito si intrecciano, sublimando la bellezza dei luoghi ed esaltandone le tante tradizioni.

Qualche pillola su Castelmola

CastelmolaSi narra che le mura di questo splendido paese siano state opera di Cam, figlio di Noè, che cacciò il fratello Jafet dalla Sicilia. Mentre in questi luoghi rimasero ai Camiti, i Ciclopi, abitatori dell’Etna, amando passeggiare per le colline, i monti, tra terra, cielo e mare,  spesso, ne staccavano le cime, per farne dei sedili da dove ammirare le bellezze naturali e riposare le stanche membra dalle fatiche quotidiane, che venivano scagliate, come in una gara, sul mare Ionio così da posizionare scogli e promontori e rendere più attrattive baie, spiagge e golfi. Così il promontorio Sant’Andrea, tra Mazzarò e l’Isola Bella, si sarebbe formato dalla cima del monte Ziretto, che lo sovrasta proprio dall’alto.

Chiudiamo con lo slogan: “Vince Castelmola, vince la Sicilia“.

 

Tutte le info sulla pagina ufficiale.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.