Borgo dei Borghi 2019: Castelmola lotta per la finalissima :ilSicilia.it
Messina

Oggi, 17 ottobre, l'ultimo giorno di votazioni

Borgo dei Borghi 2019: Castelmola lotta per la finalissima

di
17 Ottobre 2019

È arrivato il rush finale per la seguitissima competizione Il Borgo dei Borghi che ha visto, Castelmola (ME), grande protagonista in ambito promozionale e garantito enorme visibilità in tutta Italia.

Castelmola

Oggi, giovedì 17 ottobre è l’ultimo giorno utile per votare (QUI): e al grido “Vota Castelmola, vince la Sicilia”, il Borgo messinese punta adesso ad approdare alla finalissima di domenica 20 ottobre che sarà trasmessa in prima serata su Rai 3, in cui si sfideranno i 20 Borghi più votati.

Un ampio pubblico, particolarmente appassionato, segue con fervore la pagina Facebook ufficiale Castelmola Borgo dei Borghi, volano promozionale principale, cresciuta esponenzialmente in poche settimane, attestandosi oltre i 3500 like, che ha registrato, ad oggi, una copertura totale di oltre 320 mila visualizzazioni uniche. L’eventuale vittoria garantirebbe ulteriore popolarità in ambito nazionale ed internazionale e forte impulso alla crescita e allo sviluppo del territorio, specie in ambito turistico.

Castelmola

Il paesino jonico, che è un luogo davvero unico, molto apprezzato da visitatori provenienti da tutte le parti del mondo, un vero gioiello ricco di storia e arte, rappresenta con i suoi panorami mozzafiato un’estensione naturale della vicina Taormina. Ancora una volta, Castelmola, che vuole vincere, per fare grande un’altra volta la Sicilia, invita i siciliani tutti, quelli residenti nel resto d’Italia e all’estero, ma anche le migliaia di turisti che ogni anno ammirano le meraviglie del Borgo a votare e a fare votare ancora una volta questo Borgo delle meraviglie. Un luogo di malìa, Castelmola, in cui storia e mito si intrecciano, sublimando la bellezza dei luoghi ed esaltandone le tante tradizioni.

Qualche pillola su Castelmola

CastelmolaSi narra che le mura di questo splendido paese siano state opera di Cam, figlio di Noè, che cacciò il fratello Jafet dalla Sicilia. Mentre in questi luoghi rimasero ai Camiti, i Ciclopi, abitatori dell’Etna, amando passeggiare per le colline, i monti, tra terra, cielo e mare,  spesso, ne staccavano le cime, per farne dei sedili da dove ammirare le bellezze naturali e riposare le stanche membra dalle fatiche quotidiane, che venivano scagliate, come in una gara, sul mare Ionio così da posizionare scogli e promontori e rendere più attrattive baie, spiagge e golfi. Così il promontorio Sant’Andrea, tra Mazzarò e l’Isola Bella, si sarebbe formato dalla cima del monte Ziretto, che lo sovrasta proprio dall’alto.

Chiudiamo con lo slogan: “Vince Castelmola, vince la Sicilia“.

 

Tutte le info sulla pagina ufficiale.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin