"Borgo dei borghi": Castelmola vuole vincere la sfida. L'appello al voto :ilSicilia.it
Messina

si può votare sino al 17 ottobre

“Borgo dei borghi”: Castelmola vuole vincere la sfida. L’appello al voto

di
19 Settembre 2019

Entra nel vivo la competizione nazionale del “Borgo dei borghi” che vede Castelmola tra le località protagoniste dell’iniziativa lanciata dal programma Rai “Kilimangiaro” per il riconoscimento del “Borgo più bello d’Italia”. La competizione è in atto attraverso un voto nazionale valido per la settima edizione de “Il borgo dei borghi -La grande sfida”.

Castelmola sta lottando per entrare intanto nei 20 borghi finalisti ma soprattutto per conquistare l’ambito titolo che potrebbe rappresentare uno spot promozionale per l’intero comprensorio ed un valore aggiunto nella prospettiva – sempre più importante -di un’offerta turistica integrata. E’ una chance da non perdere, quindi, non soltanto per Castelmola ma anche per i centri abitati limitrofi.

Rinnoviamo l’appello a tutti a sostenerci e a votare per Castelmola, ringraziando sin d’ora chiunque lo farà – afferma l’assessore al Turismo e alla Cultura, Eleonora Cacopardo –. Chiunque può votare tutti giorni per la nostra meravigliosa cittadina nell’apposita pagina Rai – “Borgo dei Borghi” Se vince Castelmola vince la Sicilia e vinciamo tutti noi”. “Chi vota per noi vota per un borgo la cui bellezza è nota e apprezzata in tutto il mondo, chi esprime un voto per Castelmola lo fa per una cittadina che orgoglio e vanto della nostra Sicilia”, aggiunge il sindaco Orlando Russo.

La votazione in corso proseguirà sino alle 23.59 del 17 ottobre. E’ allora che si conoscerà l’elenco dei 20 borghi finalisti, uno per ogni regione, che accederanno alla finalissima in diretta su RaiTre domenica 20 ottobre alle 21.40. Le puntate di presentazione di tutti i borghi saranno quattro e la prima puntata andrà in onda il 22 settembre in prima serata sul terzo canale della Tv di Stato.

Castelmola punta a superare, intanto, le selezioni regionali per poi poter approdare alla finalissima del 20 ottobre, nella quale si sfideranno i 20 borghi più votati tra i 60 totali, uno quindi per regione. La sera del 20 ottobre verrà aperto un televoto da casa per proclamare il più bel borgo di questa edizione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.