Borgo dei Borghi: Geraci vincitore morale, 38% voti via web :ilSicilia.it
Palermo

Sindaco Iuppa, grande successo

Borgo dei Borghi: Geraci vincitore morale, 38% voti via web

di
10 Aprile 2021

Di fronte all’oggettività dei numeri Geraci Siculo può essere considerato il vincitore morale e “popolare” del concorso ‘Il borgo dei borghi’ realizzato nell’ambito della trasmissione ‘Alla falde del Kilimangiaro‘ condotta da Camila Raznovich su Rai Tre.

Perché secondo i dati pubblicati dalla Rai a votare via web per la cittadina delle Madonie è stato il 37,89% dei sostenitori, Tropea – borgo vincitore – ha avuto il 14,3% e in terza posizione Grottammare con l’11,19%. Il terzo posto di Geraci Siculo è stato raggiunto esclusivamente con il voto via web, invece, Tropea, Baunei e Albori hanno potuto godere del voto della giuria che assegna il 33,3% in più al voto via web.

Luigi Iuppa - sindaco Geraci Siculo“I dati pubblicati dalla Rai confermano quanto immaginavamo, l’eccezionale vittoria di Geraci Siculo nel voto popolare online, quasi il 40% dei votanti ha scelto il nostro borgo tra i 20 in gara – dice il sindaco Luigi Iuppa -. Possiamo dire, senza possibilità di smentita, che Geraci Siculo è il borgo più amato dagli italiani 2021. Un risultato che ci inorgoglisce e per il quale dobbiamo ringraziare tutti coloro che ci hanno votato e soprattutto le donne e gli uomini che con la loro popolarità hanno contribuito al raggiungimento di questo formidabile risultato”.

Certamente, rimane l’amaro in bocca per il terzo posto – prosegue il sindaco – ma riconosciamo la vittoria di Tropea al cui sindaco ho fatto personalmente i complimenti”. Un concorso che è stato comunque una eccezionale vetrina.

“Infatti – aggiunge Iuppa – ringraziamo la Rai e l’Associazione Borghi più belli d’Italia per l’opportunità che ci è stata data. Siamo già al lavoro per capitalizzare al massimo questa visibilità in termini di sviluppo dei flussi turistici ed in generale di crescita sociale ed economica, sempre nel solco della sostenibilità e del rispetto del territorio”. Geraci Siculo non è solo un borgo da visitare, ma anche un borgo da vivere.

“Siamo interessati a sviluppare stabili relazioni, che riteniamo assolutamente necessarie per migliorare la qualità di vita dei nostri cittadini e promuovere nuove opportunità di lavoro per i giovani di tutto il comprensorio madonita – spiega Iuppa -. Non appena le condizioni pandemiche lo consentiranno faremo di tutto per festeggiare con tutti gli amici famosi e non che ci hanno sostenuto, invitando sin d’ora anche i tre esperti della giuria per scoprire insieme le meraviglie di Geraci e del territorio madonita e l’accoglienza dei suoi abitanti”, conclude.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro