Borgo dei Borghi: Geraci vincitore morale, 38% voti via web :ilSicilia.it
Palermo

Sindaco Iuppa, grande successo

Borgo dei Borghi: Geraci vincitore morale, 38% voti via web

di
10 Aprile 2021

Di fronte all’oggettività dei numeri Geraci Siculo può essere considerato il vincitore morale e “popolare” del concorso ‘Il borgo dei borghi’ realizzato nell’ambito della trasmissione ‘Alla falde del Kilimangiaro‘ condotta da Camila Raznovich su Rai Tre.

Perché secondo i dati pubblicati dalla Rai a votare via web per la cittadina delle Madonie è stato il 37,89% dei sostenitori, Tropea – borgo vincitore – ha avuto il 14,3% e in terza posizione Grottammare con l’11,19%. Il terzo posto di Geraci Siculo è stato raggiunto esclusivamente con il voto via web, invece, Tropea, Baunei e Albori hanno potuto godere del voto della giuria che assegna il 33,3% in più al voto via web.

Luigi Iuppa - sindaco Geraci Siculo“I dati pubblicati dalla Rai confermano quanto immaginavamo, l’eccezionale vittoria di Geraci Siculo nel voto popolare online, quasi il 40% dei votanti ha scelto il nostro borgo tra i 20 in gara – dice il sindaco Luigi Iuppa -. Possiamo dire, senza possibilità di smentita, che Geraci Siculo è il borgo più amato dagli italiani 2021. Un risultato che ci inorgoglisce e per il quale dobbiamo ringraziare tutti coloro che ci hanno votato e soprattutto le donne e gli uomini che con la loro popolarità hanno contribuito al raggiungimento di questo formidabile risultato”.

Certamente, rimane l’amaro in bocca per il terzo posto – prosegue il sindaco – ma riconosciamo la vittoria di Tropea al cui sindaco ho fatto personalmente i complimenti”. Un concorso che è stato comunque una eccezionale vetrina.

“Infatti – aggiunge Iuppa – ringraziamo la Rai e l’Associazione Borghi più belli d’Italia per l’opportunità che ci è stata data. Siamo già al lavoro per capitalizzare al massimo questa visibilità in termini di sviluppo dei flussi turistici ed in generale di crescita sociale ed economica, sempre nel solco della sostenibilità e del rispetto del territorio”. Geraci Siculo non è solo un borgo da visitare, ma anche un borgo da vivere.

“Siamo interessati a sviluppare stabili relazioni, che riteniamo assolutamente necessarie per migliorare la qualità di vita dei nostri cittadini e promuovere nuove opportunità di lavoro per i giovani di tutto il comprensorio madonita – spiega Iuppa -. Non appena le condizioni pandemiche lo consentiranno faremo di tutto per festeggiare con tutti gli amici famosi e non che ci hanno sostenuto, invitando sin d’ora anche i tre esperti della giuria per scoprire insieme le meraviglie di Geraci e del territorio madonita e l’accoglienza dei suoi abitanti”, conclude.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti