Borgo dei Borghi, polemica infinita: il Codacons denuncia Daverio :ilSicilia.it

PRESENTATO ESPOSTO ALLA PROCURA DI MILANO

Borgo dei Borghi, polemica infinita: il Codacons denuncia Daverio

di
18 Novembre 2019

Un esposto-denuncia per diffamazione aggravata e odio etnico e razziale (ex legge Mancino) nei confronti di cinque milioni di siciliani.

A depositarlo alla Procura di Milano è il Codacons, dopo le ultime esternazioni di Philippe Daverio che, durante la trasmissione ‘Book city Milano‘, “ha continuato ad insultare i siciliani“.

Ritornando sulla polemica scatenata dalla sua votazione nella trasmissione Borgo dei borghi, spiega il Codacons, Daverio avrebbe detto: “I siciliani hanno un problema di super ego. Non posso risolverlo io, ma ci vorrebbero migliaia di psichiatri“.

Il critico d’arte, nelle scorse settimane, era stato protagonista di una dura polemica, arrivata addirittura in Parlamento, dopo la sua votazione nella trasmissione che ha incoronato Bobbio (Piacenza).

A contendersi il titolo, infatti, c’era anche la cittadina siciliana di Palazzolo Acreide, che aveva ricevuto maggiori preferenze ma era stata bocciata dalla giuria di qualità presieduta da Daverio, che poi si è scoperto essere cittadino onorario del comune piacentino.

Philippe Daverio aveva già rilasciato pesanti dichiarazioni contro i siciliani in una intervista a Le Iene, dichiarando: “Non amo la Sicilia, io ho paura dei siciliani, l’intimidazione è nelle loro tradizioni, sono convinti di essere il centro del mondo (è una patologia locale), sono terroni e rosicano“, ma poi si era scusato per le espressioni utilizzate.

Daverio è recidivo, non può continuare a insultare impunemente 5 milioni di siciliani – conclude il Codacons -. Chiederemo un risarcimento di un milione di euro da devolvere per finalità sociali“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.