Boris Johnson diventa "pecora" nell'opera della street artist Laika :ilSicilia.it

il titolo è “L'immunità di gregge è una cazzata”

Boris Johnson diventa “pecora” nell’opera della street artist Laika

di
31 Marzo 2020

Vogliamo chiamarla incoscienza, diniego, superficialità? Non sta a noi definire l’atteggiamento adottato in prima battuta da Boris Johnson, primo ministro del Regno Unito che, al paventarsi del contagio da Coronavirus anche in Inghilterra, si era espresso con dichiarazioni quantomeno confutabili e discutibili.

E siccome la scienza non è opinione sono passate poche settimane e, purtroppo, le previsioni di contagio e diffusione del Covid-19 hanno colpito il Regno Unito e lo stesso Johnson, risultato positivo al tampone che, adesso, si è premurato, dalla sua quarantena, a inviare una lettera a tutti i cittadini invitandoli a rimanere a casa.

Boris pecora

E siccome l’arte spesso attinge alla realtà ecco il murale realizzato dalla street artist romana Laika dal titolo “Herd Immunity is bullshit”  (“L’immunità di gregge è una cazzata”).

L’opera, pubblicata sui profili social dell’artista, raffigura il primo ministro britannico Boris Johnson nel corpo di una pecora che viene tenuto a distanza da altre tre pecore. Sotto la citazione sull’immunità di gregge e il monito a stare a casa (“Stay Home”).

È un invito alla responsabilità quello di Laika che, come tanti in queste settimane, ha spostato la sua attività sulla rete.

Trovo del tutto incosciente e potenzialmente molto pericoloso – ha dichiarato l’artista – che, in un momento di crisi come questo, ci siano personaggi pubblici che pur essendo completamente impreparati su argomenti medici e scientifici, invitino alla riapertura di attività commerciali ignorando i moniti degli esperti. Io non sono un medico né una scienziata, per questo se tutta la comunità scientifica mi dice che devo rimanermene a casa, io ascolto le loro direttive. Affidiamoci a chi ha le competenze scientifiche per affrontare questa emergenza. Facciamo i bravi, restiamo a casa“, conclude l’artista.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin