Borsellino: "Dopo anni di negazionismo, svolta sulla Trattativa. Entro 10 anni tutta la verità" :ilSicilia.it
Palermo

Il fratello del magistrato ucciso in via d'Amelio

Borsellino: “Dopo anni di negazionismo, svolta sulla Trattativa. Entro 10 anni tutta la verità”

di
14 Luglio 2018

PALERMO “Quest’anno c’è una svolta. Abbiamo due sentenze della magistratura importatissime: quella sulla ‘trattativa‘ e il Borsellino quater. C’è stata una svolta, dopo anni di negazionismo, sulla trattativa stato-mafia. Abbiamo una pietra miliare che afferma l’esistenza di un depistaggio di Stato. Sulla scomparsa dell’agenda rossa di mio fratello Paolo le indagini non sono andate come sarebbe dovuto andare”. Così Salvatore Borsellino, fratello del magistrato ucciso nella strage di via D’Amelio 26 anni fa, durante la conferenza stampa di presentazione dl programma del Movimento delle Agende Rosse, per commemorare la strage di via D’Amelio.

“Le stragi di Capaci e via D’Amelio sono quasi un peccato originale su quella che è la Seconda Repubblica. Spero che la verità arrivi entro dieci anni. Bisogna spingere le commissioni parlamentari e il Governo a lavorare per trovare la verità completa, senza depistaggi e negazionismi su queste stragi”.

 

 

La ricostruzione delle tappe della Trattativa Stato-mafia:

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin