Borsellino: Fiammetta lascia la Questura dopo l'arrivo di Gigi D'Alessio :ilSicilia.it
Palermo

DIBATTITO SULLE POLEMICHE NELLA TRASMISSIONE REALITY

Borsellino: Fiammetta lascia la Questura dopo l’arrivo di Gigi D’Alessio

di
19 Luglio 2019

Fiammetta Borsellino attende l’inizio della cerimonia in ricordo delle vittime della strage di via D’Amelio e poi lascia la Questura dopo l’arrivo del cantante napoletano Gigi D’Alessio.

“Non m’interessa”. Così Fiammetta Borsellino, figlia del giudice Paolo, andando via dalla Questura di Palermo, subito dopo l’arrivo del cantante neomelodico invitato all’incontro-dibattito, come ospite assieme ad altri.

L’incontro è stato aperto con il video del giovane neomelodico catanese di 19 anni, Leonardo Zappalà, che durante la trasmissione Reality su RaiDue, condotta da Enrico Lucci, considerò fisiologica la morte di Falcone e Borsellino per il lavoro che facevano. Parole che scatenarono polemiche e l’apertura di una inchiesta.

I modelli da offrire ai giovani è stato il tema del dibattito che si è svolto nella questura di Palermo. Al dibattito hanno partecipato – oltre al cantante Gigi D’Alessio – il comico Sasà Salvaggio, il sociologo Gioacchino Lavanco, fra Mauro Bolletta e Gero Riggio.

 

LEGGI ANCHE:

Insulti in diretta a Falcone e Borsellino, la Rai: “Parole indegne, avviata istruttoria”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin