Borsellino: Fiammetta lascia la Questura dopo l'arrivo di Gigi D'Alessio :ilSicilia.it
Palermo

DIBATTITO SULLE POLEMICHE NELLA TRASMISSIONE REALITY

Borsellino: Fiammetta lascia la Questura dopo l’arrivo di Gigi D’Alessio

di
19 Luglio 2019

Fiammetta Borsellino attende l’inizio della cerimonia in ricordo delle vittime della strage di via D’Amelio e poi lascia la Questura dopo l’arrivo del cantante napoletano Gigi D’Alessio.

“Non m’interessa”. Così Fiammetta Borsellino, figlia del giudice Paolo, andando via dalla Questura di Palermo, subito dopo l’arrivo del cantante neomelodico invitato all’incontro-dibattito, come ospite assieme ad altri.

L’incontro è stato aperto con il video del giovane neomelodico catanese di 19 anni, Leonardo Zappalà, che durante la trasmissione Reality su RaiDue, condotta da Enrico Lucci, considerò fisiologica la morte di Falcone e Borsellino per il lavoro che facevano. Parole che scatenarono polemiche e l’apertura di una inchiesta.

I modelli da offrire ai giovani è stato il tema del dibattito che si è svolto nella questura di Palermo. Al dibattito hanno partecipato – oltre al cantante Gigi D’Alessio – il comico Sasà Salvaggio, il sociologo Gioacchino Lavanco, fra Mauro Bolletta e Gero Riggio.

 

LEGGI ANCHE:

Insulti in diretta a Falcone e Borsellino, la Rai: “Parole indegne, avviata istruttoria”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.