"Borsellino isolato dalla magistratura": striscioni di Forza Nuova a Palermo, Catania e Barrafranca :ilSicilia.it

la denuncia del movimento

“Borsellino isolato dalla magistratura”: striscioni di Forza Nuova a Palermo, Catania e Barrafranca

di
19 Luglio 2018

Sosteniamo da tempo quanto, dopo 26 anni di depistaggi istituzionali, emerge in parte ormai anche dalla sentenza più recente e dalle coraggiose domande senza risposta di Fiammetta Borsellino: la strage di via D’Amelio fu il frutto di un disegno e di mezzi ben più ampi di quelli di cui poteva disporre la sola Cosa Nostra e l’isolamento degli ‘amici’ magistrati fu determinante”. A spiegare i motivi della decisa azione di denuncia del suo movimento è il coordinatore regionale di Forza Nuova, Giuseppe Bonanno Conti.

Nuova a Barrafranca a Palermo
Striscione di Forza Nuova a Palermo 1

“La parola chiave, come per le altre stragi italiane, è ‘destabilizzazione’ – precisa Giuseppe Provenzale, vicesegretario nazionale del movimento – e nella realizzazione di questa complessa strategia, spesso mirante ad una solo apparentemente antitetica stabilizzazione, il braccio armato di cosa nostra ebbe certamente più da perdere che da guadagnare, in termini di libertà di movimento e tradizionale agibilità sul territorio”.

“Non crediamo all’ipotesi della cosiddetta ‘trattativa’ – prosegue Bonanno Contiche per noi ha tutto il sapore dell’ennesimo, ancor più clamoroso depistaggio. Troppi magistrati e politicanti hanno costruito le proprie carriere su un’antimafia di professione che nulla ha ottenuto sul terreno della verità perché nulla doveva ottenere; il rapporto Stato-mafia è storico e

Nuova a Barrafranca a Palermo 2
Striscione di Forza Nuova a Palermo 2

non occasionale, le trame risalgono almeno al 1943, e si è troppo rapidamente abbandonata la pista degli appalti su cui indagava Paolo Borsellino”.

Il dogma investigativo che vorrebbe Cosa Nostra indipendente e libera da ogni superiore condizionamento ha di fatto contribuito ad insabbiare la verità anche sull’urgente strage di via D’Amelio. Le procure di Palermo e Caltanissetta, i vari magistrati star, gli Ingroia, i Caselli, i Di Matteo sono stati e sono funzionali a questo gioco. La mafia, però, deve sottostare a massoneria, servizi segreti e poteri dello Stato, senza i quali non esisterebbe e a cui nulla può rifiutare”.

Striscione di Forza Nuova a Catania
Striscione di Forza Nuova a Catania

“Gli uomini di Cosa Nostra sono servi di un sistema a cui i veri eroi dell’antimafia erano estranei, per questo non morirono nel proprio letto, come invece è capitato e capiterà ad altri personaggi, spesso in prima fila nelle varie, ipocrite commemorazioni. Aspettiamo di leggere – conclude Provenzale – le risposte che chi è stato chiamato in causa darà alle domande di Fiammetta Borsellino”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin