Borsellino quater, Faraci: "L'esistenza della trattativa stato-mafia è infondata" :ilSicilia.it
Palermo

Avvocatura Stato chiede 120 milioni di risarcimento agli imputati

Borsellino quater: “Nessuna trattativa Stato-Mafia”

di
9 Gennaio 2017

Borsellino quater: “nessuna trattativa tra lo Stato e la mafia”. Questa è la tesi dell’avvocato dello Stato Salvatore Faraci, spiegata durante la sua arringa nel processo Borsellino quater, che si celebra al Tribunale di Caltanissetta.  Faraci è  legale di parte civile della presidenza del consiglio dei ministri, della presidenza della regione Sicilia e dei ministeri dell’interno e della giustizia. Secondo la sua ricostruzione, dal quarto processo per la strage di via D’Amelio non sarebbero emersi “elementi per sostenere l’esistenza di una trattava tra lo Stato e Cosa nostra”. Una dichiarazione importante che arriva a quasi 25 anni dalla strage. “La Corte d’assise di Palermo si esprimerà – conclude Faraci – ma ad oggi non sono arrivati riscontri sul punto e le dichiarazioni ed i documenti forniti da Massimo Ciancimino si sono rivelate contraddittorie, inattendibili e manipolatorie”.

Proseguendo nella sua disamina, Faraci ha chiesto un risarcimento danni complessivo per 120 milioni di euro a carico dei cinque imputati del quarto processo per la strage di via D’Amelio.

Il legale ha sottolineato l’attendibilità delle parole del pentito Gaspare Spatuzza e ha chiesto che Salvo Madonia e Vittorio Tutino, imputati di strage, versino nelle casse dello Stato 10 milioni di euro a testa, mentre i restanti 100 milioni dovranno essere versati complessivamente, sulla base della richiesta della parte civile, da Vincenzo Scarantino, Francesco Andriotta e Calogero Pulci che rispondono di calunnia per le falsità raccontate. Gli interventi dei legali di parte civile proseguiranno mercoledì quando sono previste le arringhe dei legali di associazioni antimafia, altri enti e di alcuni difensori dei familiari delle vittime dell’attentato del 19 luglio ’92, costato la vita a Paolo Borsellino e ai cinque poliziotti della scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

A Caltanissetta, intanto, si attende la sentenza; il procuratore Amedeo Bertone ha chiesto a fine 2016 la condanna all’ergastolo per Madonia e Tutino, ritenuti responsabili della strage, sollecitando 8 anni e 6 mesi per Vincenzo Scarantino e 14 anni ciascuno per Francesco Andriotta e Calogero Pulci, i tre falsi pentiti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.