Borsellino quater, Faraci: "L'esistenza della trattativa stato-mafia è infondata" :ilSicilia.it
Palermo

Avvocatura Stato chiede 120 milioni di risarcimento agli imputati

Borsellino quater: “Nessuna trattativa Stato-Mafia”

di
9 Gennaio 2017

Borsellino quater: “nessuna trattativa tra lo Stato e la mafia”. Questa è la tesi dell’avvocato dello Stato Salvatore Faraci, spiegata durante la sua arringa nel processo Borsellino quater, che si celebra al Tribunale di Caltanissetta.  Faraci è  legale di parte civile della presidenza del consiglio dei ministri, della presidenza della regione Sicilia e dei ministeri dell’interno e della giustizia. Secondo la sua ricostruzione, dal quarto processo per la strage di via D’Amelio non sarebbero emersi “elementi per sostenere l’esistenza di una trattava tra lo Stato e Cosa nostra”. Una dichiarazione importante che arriva a quasi 25 anni dalla strage. “La Corte d’assise di Palermo si esprimerà – conclude Faraci – ma ad oggi non sono arrivati riscontri sul punto e le dichiarazioni ed i documenti forniti da Massimo Ciancimino si sono rivelate contraddittorie, inattendibili e manipolatorie”.

Proseguendo nella sua disamina, Faraci ha chiesto un risarcimento danni complessivo per 120 milioni di euro a carico dei cinque imputati del quarto processo per la strage di via D’Amelio.

Il legale ha sottolineato l’attendibilità delle parole del pentito Gaspare Spatuzza e ha chiesto che Salvo Madonia e Vittorio Tutino, imputati di strage, versino nelle casse dello Stato 10 milioni di euro a testa, mentre i restanti 100 milioni dovranno essere versati complessivamente, sulla base della richiesta della parte civile, da Vincenzo Scarantino, Francesco Andriotta e Calogero Pulci che rispondono di calunnia per le falsità raccontate. Gli interventi dei legali di parte civile proseguiranno mercoledì quando sono previste le arringhe dei legali di associazioni antimafia, altri enti e di alcuni difensori dei familiari delle vittime dell’attentato del 19 luglio ’92, costato la vita a Paolo Borsellino e ai cinque poliziotti della scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

A Caltanissetta, intanto, si attende la sentenza; il procuratore Amedeo Bertone ha chiesto a fine 2016 la condanna all’ergastolo per Madonia e Tutino, ritenuti responsabili della strage, sollecitando 8 anni e 6 mesi per Vincenzo Scarantino e 14 anni ciascuno per Francesco Andriotta e Calogero Pulci, i tre falsi pentiti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin