"Bottega Gibellina", in mostra l'artigianato che risollevò il paese dalle macerie :ilSicilia.it
Trapani

Fino al 20 gennaio 2019

“Bottega Gibellina”, in mostra l’artigianato che risollevò il paese dalle macerie

di
21 Novembre 2018

A 50 anni dal terremoto Gibellina rispolvera l’arte e l’artigianato che, allora, le permise di rinascere ancora più fastosa con la mostra, all’Atelier del baglio Di Stefano, “Bottega Gibellina – Gli artigiani nella ricostruzione della città“, curata da Enzo Fiammetta.

Testi, documenti, maquette, disegni ed oggetti realizzati dalle diverse maestranze che lavorarono fianco a fianco con alcuni dei più grandi maestri dell’arte contemporanea in Italia raccontano una delle stagioni più interessanti per la sperimentazione dei nuovi linguaggi, per l’intreccio di tradizioni e storia, di natura e cultura, di perizia tecnica e consapevolezza estetica.

In mostra i manufatti dei fabbri, dei marmisti, dei ceramisti, dei carpentieri, delle sarte e delle ricamatrici che insieme ad artisti, registi ed intellettuali crearono straordinarie opere per il festival delle Orestiadi e per la città.

"Bottega Gibellina", in mostra l'artigianato che risollevò il paese dalle macerie
La Stella di Consagra

Il progetto espositivo – si legge nel testo di presentazione curato da Enzo Fiammetta e Valentina Di Micelimette in evidenza lo scarto tra ideazione e realizzazione, il momento durante il quale il pensiero si trasforma, grazie all’intervento degli artigiani, in opera tangibile. In questo scarto, più o meno ampio, stanno gli artieri con la loro tecnica, sapienza, maestria  tramandata di padre in figlio, con la loro raffinata capacità di trasformare il pensiero in fatto perenne“.

Gibellina, dunque, “città dei nuovi linguaggi, delle felici intuizioni e delle nuove sperimentazioni in alcuni casi dai tentennanti risultati, com’è normale per chi percorre una nuova strada: i testimoni di tutto questo sono sì le opere, ma anche gli artigiani che le hanno realizzate“.

Sono le mani le protagoniste di questa mostra. Le mani delle ricamatrici e degli artigiani eredi di una tradizione millenaria che ha reso culturalmente ricca la nostra isola, e anche l’entusiasmo degli anni della ricostruzione, che vide la gente di Gibellina vivere e condividere, con quanti risposero alla stagione epica delle Orestiadi degli atelier d’arte, degli artisti  per rifondare insieme  la nuova città.

Bottega Gibellina è prodotta dalla Fondazione Orestiadi, in collaborazione con il Comune di Gibellina.

Fino al 20 gennaio 2019 ad ingresso gratuito, da martedì a domenica 9-13 e 15-18; ulteriori informazioni sul sito della Fondazione.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.