17 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.13
Catania

Il sindaco Salvo Pogliese: "Evitare eccessi"

Botti di Capodanno, Catania dice no: “Il terremoto ci ha sconvolto”

30 Dicembre 2018

Mentre i comuni Catanese sono ancora in allerta per l’Etna e lo sciame sismico, il sindaco di Catania Salvo Pogliese lancia un appello in vista della notte di Capodanno: “Con la fine dell’anno anche nella nostra città esplode la mania dei botti, spesso incontrollata se non irrazionale, in alcune forme esagerata, con grave disturbo e pericolo per il contesto urbano e soprattutto i cittadini più deboli, costretti a subire rumori infernali che spaventano, bambini, ammalati e anziani ma anche i nostri amici a quattro zampe.  

Voglio rendervi partecipe della circolare che è stata inviata a noi sindaci dal ministero dell’Interno e dal Prefetto, in cui  si esortano i Sindaci affinché svolgano, a livello locale, attraverso i più efficaci mezzi di comunicazione, ogni opera di sensibilizzazione per un uso consapevole degli articoli pirotecnici.

Pogliese
Salvo Pogliese

Io – aggiunge Pogliese – credo che sia necessario fare un passo in più. Senza reticenze, dobbiamo dirci che nella nostra città, si fa abuso dei botti. Spesso dalla provenienza non verificabile, venduti e acquistati in maniera clandestina e dunque illegale, per ciò stesso ancora più pericolosi. E dove c’è pericolo per le persone, non ci può essere folclore o tradizione che tenga, dovendosi a questo aggiungere che il rumore dei botti è per gli animali fonte di vero e proprio terrore.

Come di consueto è pronta l’ordinanza che ne vieta l’utilizzo. Ma sappiamo che questo atto formale non basta. Che è necessario fare un salto di qualità nella consapevolezza di ciascuno di noi, accettando la elementare verità che nell’ultimo giorno dell’anno è possibile festeggiare senza eccessi e atti pericolosi. Semplicemente condividendo gli attimi che precedono e seguono la mezzanotte con le persone alle quali vogliamo bene, oppure godendo della festa di piazza che per la notte del 31 abbiamo organizzato in piazza Duomo. Senza contare che in questo particolare momento – per quello che ha vissuto la nostra città nell’ultimo anno, per il terremoto che ha sconvolto la vita degli abitanti dei paesi vicini maggiormente colpiti -, dimostrare vicinanza e solidarietà anche attraverso la sobrietà nei festeggiamenti, rivela il sentimento di comunanza che dobbiamo insieme ritrovare. 

Ce lo chiede il buon senso, la responsabilità che ciascuno di noi deve mantenere negli atti che compie badando a non urtare la sensibilità del nostro prossimo; di quello che soffre o è in condizione di difficoltà o più semplicemente non vuole subire, suo malgrado, gli eccessi e le esagerazioni di chi gli sta vicino.

Diciamo no ai botti di Capodanno, quest’anno e per quelli che verranno dopo. Se proprio non potete farne a meno, utilizzate quelli scenografici, acquistati nei negozi autorizzati che non sono pericolosi e attenuano i disturbi alle persone e agli animali. Pensiamoci, al di là dei divieti, delle ordinanze, delle raccomandazioni che pure vanno fatte,  ma che vanno soprattutto valutate per quello che sono: un invito alla prudenza, al rispetto reciproco per una convivenza che nella nostra Catania sia regolata dai valori della tolleranza e della civiltà“.

 

LEGGI ANCHE:

Verso il Capodanno: a Catania arrivano Arisa e Noemi

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.