Botti di Capodanno, Catania dice no: "Il terremoto ci ha sconvolto" :ilSicilia.it
Catania

Il sindaco Salvo Pogliese: "Evitare eccessi"

Botti di Capodanno, Catania dice no: “Il terremoto ci ha sconvolto”

di
30 Dicembre 2018

Mentre i comuni Catanese sono ancora in allerta per l’Etna e lo sciame sismico, il sindaco di Catania Salvo Pogliese lancia un appello in vista della notte di Capodanno: “Con la fine dell’anno anche nella nostra città esplode la mania dei botti, spesso incontrollata se non irrazionale, in alcune forme esagerata, con grave disturbo e pericolo per il contesto urbano e soprattutto i cittadini più deboli, costretti a subire rumori infernali che spaventano, bambini, ammalati e anziani ma anche i nostri amici a quattro zampe.  

Voglio rendervi partecipe della circolare che è stata inviata a noi sindaci dal ministero dell’Interno e dal Prefetto, in cui  si esortano i Sindaci affinché svolgano, a livello locale, attraverso i più efficaci mezzi di comunicazione, ogni opera di sensibilizzazione per un uso consapevole degli articoli pirotecnici.

Pogliese
Salvo Pogliese

Io – aggiunge Pogliese – credo che sia necessario fare un passo in più. Senza reticenze, dobbiamo dirci che nella nostra città, si fa abuso dei botti. Spesso dalla provenienza non verificabile, venduti e acquistati in maniera clandestina e dunque illegale, per ciò stesso ancora più pericolosi. E dove c’è pericolo per le persone, non ci può essere folclore o tradizione che tenga, dovendosi a questo aggiungere che il rumore dei botti è per gli animali fonte di vero e proprio terrore.

Come di consueto è pronta l’ordinanza che ne vieta l’utilizzo. Ma sappiamo che questo atto formale non basta. Che è necessario fare un salto di qualità nella consapevolezza di ciascuno di noi, accettando la elementare verità che nell’ultimo giorno dell’anno è possibile festeggiare senza eccessi e atti pericolosi. Semplicemente condividendo gli attimi che precedono e seguono la mezzanotte con le persone alle quali vogliamo bene, oppure godendo della festa di piazza che per la notte del 31 abbiamo organizzato in piazza Duomo. Senza contare che in questo particolare momento – per quello che ha vissuto la nostra città nell’ultimo anno, per il terremoto che ha sconvolto la vita degli abitanti dei paesi vicini maggiormente colpiti -, dimostrare vicinanza e solidarietà anche attraverso la sobrietà nei festeggiamenti, rivela il sentimento di comunanza che dobbiamo insieme ritrovare. 

Ce lo chiede il buon senso, la responsabilità che ciascuno di noi deve mantenere negli atti che compie badando a non urtare la sensibilità del nostro prossimo; di quello che soffre o è in condizione di difficoltà o più semplicemente non vuole subire, suo malgrado, gli eccessi e le esagerazioni di chi gli sta vicino.

Diciamo no ai botti di Capodanno, quest’anno e per quelli che verranno dopo. Se proprio non potete farne a meno, utilizzate quelli scenografici, acquistati nei negozi autorizzati che non sono pericolosi e attenuano i disturbi alle persone e agli animali. Pensiamoci, al di là dei divieti, delle ordinanze, delle raccomandazioni che pure vanno fatte,  ma che vanno soprattutto valutate per quello che sono: un invito alla prudenza, al rispetto reciproco per una convivenza che nella nostra Catania sia regolata dai valori della tolleranza e della civiltà“.

 

LEGGI ANCHE:

Verso il Capodanno: a Catania arrivano Arisa e Noemi

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.