19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56
Agrigento

necessaria l'amputazione

Botti di Capodanno, grave un ragazzino: perde entrambe le mani

2 Gennaio 2019

I botti continuano a provocare gravi feriti. L’ultimo si è registrato in provincia di Agrigento. Nella serata di ieri un ragazzino di 15 anni di Naro ha perso entrambe le mani a causa dell’esplosione di un petardo.

Il grave incidente si è però verificato nella vicina Canicattì. Dopo l’esplosione il ragazzino è stato soccorso e trasportato al nosocomio della cittadina agrigentina, ma considerata la gravità della situazione, in serata, l’adolescente è stato dapprima trasferito all’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta e da li’, in elicottero, al “Civico” di Palermo.

Per il ragazzino si è rivelata necessaria l’amputazione di entrambi gli arti. Le sue condizioni restano serie.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.