Bramanti in bicicletta con Nibali verso la scalata a palazzo Zanca :ilSicilia.it
Messina

Il campione testimonial di "Pedaliamo Messina"

Bramanti in bicicletta con Nibali verso la scalata a palazzo Zanca

di
28 Aprile 2018

Il candidato sindaco del centrodestra Dino Bramanti si è concesso oggi una simbolica passeggiata in bicicletta per le strade di Messina, per evidenziare la necessità di recuperare il rapporto tra i cittadini, il territorio ed il mare. E per l’occasione, testimonial d’eccezione dell’iniziativa è stato il campione di ciclismo Vincenzo Nibali.

“Lo squalo” ha preso parte, infatti, a “PedaliAmo Messina“, la manifestazione organizzata da Bramanti per richiamare l’attenzione su temi come il poter vivere la propria città anche sulle quattro ruote e con la relativa necessità, ineludibile, di poterlo fare all’insegna della sicurezza stradale. La passeggiata in bicicletta, alla partecipazione di circa 350 persone, ha consentito al candidato sindaco di transitare da zone come i quartieri San Raineri e Marisicilia, che in caso di affermazione alle urne, Bramanti ha intenzione di sottoporre ad interventi di riqualificazione ambientale.

Il protagonista della giornata è stato, per forza di cose, Vincenzo Nibali, volto simbolo di Messina nel mondo con le sue imprese che lo hanno portato a vincere il Giro d’Italia, la Vuelta e soprattutto una storica edizione del Tour de France. “E’ importante migliorare le nostre strade ha detto Nibali – e imparare a rispettare il ciclista in strada. La bici è un mezzo sempre più utilizzato e le città devono essere in grado di realizzare quei progetti che consentano loro di diventare sempre più a misura di ciclista. Io credo che si possano e si debbano migliorare le condizioni del territorio per consentire alla gente, soprattutto ai ragazzi, di poter vivere la loro città anche facendo un giro in bicicletta”.

Ci avviciniamo al momento decisivo in cui i cittadini dovranno scegliere il nuovo governo della città e anche questa pedalata – ha aggiunto Bramanti – è stata un modo ulteriore per dimostrare che vogliamo rilanciare Messina sotto tanti punti di vista e tra questi c’è l’opportunità di renderla più vivibile nelle passeggiate in bicicletta che portano ognuno di noi ancor più a contatto con il territorio, con i paesaggi ed il mare e tutto questo deve avvenire in condizioni di sicurezza e fruizione ottimale dei percorsi“.

Nibali ha sottolineato, ad ogni modo, che la sua partecipazione all’evento non ha avuto un significato politico: “Ho preso parte alla manifestazione soltanto per Messina e per amore dei miei concittadini messinesi. Conosco Bramanti solo come medico, non come politico. Anche in passato ho partecipato ad altri eventi sportivi organizzati dalle precedenti amministrazione ma senza mai entrare nell’ambito politico”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin