Brass Group: cartellone raddoppiato e grandi nomi del jazz per la stagione 2019/20 | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

28 i concerti in programma

Brass Group: cartellone raddoppiato e grandi nomi del jazz per la stagione 2019/20 | FOTO

di
12 Giugno 2019
Billy Cobham

Guarda la fotogallery in alto

La Fondazione Brass Group per la stagione 2019/20, a fronte dei bilanci in attivo degli ultimi due anni, raddoppia i concerti in abbonamento, al Real Teatro Santa Cecilia, con artisti di tutto riguardo ed esclusive europee.

Ventotto in tutto gli spettacoli, con due turni di esecuzione, che porteranno in città grandi nomi de panorama jazz.

Arriverà, il 13 e 14 dicembre, Billy Cobham, “Mister batteria”, per la prima volta al Real Teatro Santa Cecilia, con le sue forti e sapienti mani che brandiscono le bacchette come gioielli di platino, un’icona del jazz in tutte le sue forme, che ha rivoluzionato la storia e i percorsi possibili della batteria, accompagnato per l’occasione dall’Orchestra Jazz Siciliana.

Brass Group 2019
Billy Cobham

E poi ancora, tra gli altri, il vincitore del Grammy Award nel 2014, Christian Tumalan, Ron Carter, Bianca Gismonti, Raul Midon, Desirèe Rancatore, Trijntje Oosterhuis, Laila Biali, Gregory Privat.

Partendo dalla propria orchestra non ancora stabile, la Fondazione presenterà anche quest’anno una serie di appuntamenti unici.

Ad aprire la stagione sarà proprio Tumalan, venerdì 8 novembre per poi doppiare sabato 9 sempre con doppio turno, spiegato dal direttore artistico del Brass Luca Luzzu: L’aumento delle repliche dei concerti deriva da uno specifico bisogno culturale a cui la Fondazione risponde con un calendario ricco di artisti internazionali, produzioni orchestrali e prime assolute. Un crescendo continuo nell’ambito del processo di rinnovamento che sta attraversando il Brass”.

Il protagonista della storia del jazz Ron Carter presenterà, in esclusiva nazionale il 7 e 8 febbraio 2020, la propria performance esaltando l’eccellenza solistica quale è come grande asso del contrabbasso.

In cartellone, il 3 e  4 aprile, anche il chitarrista Francesco Buzzurro, invece, uno dei più apprezzati e poliedrici chitarristi italiani, votato dalla rivista di settore Musica Jazz come uno dei più talentuosi del panorama internazionale.

Sulla nuova stagione è intervenuto anche il direttore dell’Orchestra Jazz Siciliana, il Maestro Domenico Riina: “L’Orchestra Jazz Siciliana è protagonista di primo piano nella stagione del Brass, dove le produzioni orchestrali con star internazionali fanno di Palermo la capitale del Jazz europeo”.

Giunta alla sua 45ª edizione la stagione della Fondazione The Brass Group, si presenta dunque ricca di sonorità grazie ad un calendario poliedrico che prevede le performances di grandi artisti internazionali in ambito jazz e soul.

Intendiamo restituire a Palermo il ruolo interpretato fin dagli anni Settanta di capitale tra le più importanti del jazz europeo – ha dichiarato Ignazio Garsia, presidente della Fondazione – Per raggiungere tale obiettivo ci siamo impegnati in modo particolare sul fronte artistico con un maggior coinvolgimento di musicisti internazionali accompagnati per l’occasione della nostra produzione con l’Orchestra Jazz Siciliana”.

Il dettaglio del calendario della nuova stagione così come le possibilità di abbonamento, a partire dal 15 giugno, sono disponibili sul sito della Fondazione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin