13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.32
Palermo

28 i concerti in programma

Brass Group: cartellone raddoppiato e grandi nomi del jazz per la stagione 2019/20 | FOTO

12 Giugno 2019
'
Billy Cobham
'
'
'
'
'
'

Guarda la fotogallery in alto

La Fondazione Brass Group per la stagione 2019/20, a fronte dei bilanci in attivo degli ultimi due anni, raddoppia i concerti in abbonamento, al Real Teatro Santa Cecilia, con artisti di tutto riguardo ed esclusive europee.

Ventotto in tutto gli spettacoli, con due turni di esecuzione, che porteranno in città grandi nomi de panorama jazz.

Arriverà, il 13 e 14 dicembre, Billy Cobham, “Mister batteria”, per la prima volta al Real Teatro Santa Cecilia, con le sue forti e sapienti mani che brandiscono le bacchette come gioielli di platino, un’icona del jazz in tutte le sue forme, che ha rivoluzionato la storia e i percorsi possibili della batteria, accompagnato per l’occasione dall’Orchestra Jazz Siciliana.

Brass Group 2019
Billy Cobham

E poi ancora, tra gli altri, il vincitore del Grammy Award nel 2014, Christian Tumalan, Ron Carter, Bianca Gismonti, Raul Midon, Desirèe Rancatore, Trijntje Oosterhuis, Laila Biali, Gregory Privat.

Partendo dalla propria orchestra non ancora stabile, la Fondazione presenterà anche quest’anno una serie di appuntamenti unici.

Ad aprire la stagione sarà proprio Tumalan, venerdì 8 novembre per poi doppiare sabato 9 sempre con doppio turno, spiegato dal direttore artistico del Brass Luca Luzzu: L’aumento delle repliche dei concerti deriva da uno specifico bisogno culturale a cui la Fondazione risponde con un calendario ricco di artisti internazionali, produzioni orchestrali e prime assolute. Un crescendo continuo nell’ambito del processo di rinnovamento che sta attraversando il Brass”.

Il protagonista della storia del jazz Ron Carter presenterà, in esclusiva nazionale il 7 e 8 febbraio 2020, la propria performance esaltando l’eccellenza solistica quale è come grande asso del contrabbasso.

In cartellone, il 3 e  4 aprile, anche il chitarrista Francesco Buzzurro, invece, uno dei più apprezzati e poliedrici chitarristi italiani, votato dalla rivista di settore Musica Jazz come uno dei più talentuosi del panorama internazionale.

Sulla nuova stagione è intervenuto anche il direttore dell’Orchestra Jazz Siciliana, il Maestro Domenico Riina: “L’Orchestra Jazz Siciliana è protagonista di primo piano nella stagione del Brass, dove le produzioni orchestrali con star internazionali fanno di Palermo la capitale del Jazz europeo”.

Giunta alla sua 45ª edizione la stagione della Fondazione The Brass Group, si presenta dunque ricca di sonorità grazie ad un calendario poliedrico che prevede le performances di grandi artisti internazionali in ambito jazz e soul.

Intendiamo restituire a Palermo il ruolo interpretato fin dagli anni Settanta di capitale tra le più importanti del jazz europeo – ha dichiarato Ignazio Garsia, presidente della Fondazione – Per raggiungere tale obiettivo ci siamo impegnati in modo particolare sul fronte artistico con un maggior coinvolgimento di musicisti internazionali accompagnati per l’occasione della nostra produzione con l’Orchestra Jazz Siciliana”.

Il dettaglio del calendario della nuova stagione così come le possibilità di abbonamento, a partire dal 15 giugno, sono disponibili sul sito della Fondazione.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.