Bright, la recensione del film di Netflix con Will Smith :ilSicilia.it

La recensione

Bright, la recensione del film di Netflix con Will Smith

di
2 Gennaio 2018

“Bright” (2017), di David Ayer.

L’ultima produzione cinematografica di Netflix, si dice anche la più costosa finora con un costo di oltre 100 milioni di dollari, è “Bright” di David Ayer. Lo stesso regista di “End of Watch” (2012) e “Suicide Squad” (2016). Questa volta i protagonisti, di questo nuovo poliziesco fantasy, sono i bravissimi Will Smith, nei panni di Scott Ward un “poliziotto umano”, e Joel Edgerton, nei panni Nick Jakoby un “poliziotto orco”.

Il genere è azione, fantascienza, thriller, e certamente piacerà ai cineamatori che si appassionano a questi racconti. Non è un film per tutti, non lo è soprattutto per coloro che amano il cinema visto da una prospettiva realista. Di “realismo” qui ci sono le dinamiche tra culture, razze, tradizioni, costumi, usanze, appartenenze a clan e legami di sangue, le azioni frutto di fiducia e tradimenti, di amore per la giustizia e la viscerale cupidigia per il potere e il danaro, di volontà di dominare il mondo o di migliorarlo, di bonaccia al galleggiamento per sopravvivere o di rischio per il cambiamento. Insomma, le cose che tutti viviamo e che tutti sogniamo quotidianamente, chi più chi meno. Sono tutte queste le componenti che riescono ad essere ben miscelate in questo interessante film che tratta dinamiche umane e sociali con leggerezza, con una buona dose di umorismo, e con un messaggio che riesce a lanciare solo allo spettatore attento che saprà coglierlo. Chi vedrà, forse, capirà!

E’ una storia che descrive una città turbolenta, una Los Angeles di un futuro non troppo distante dai giorni nostri, travagliata, confusionaria, a più strati sociali e di potere, dove il caos primeggia sull’ordine. Una città popolata da umani, elfi, orchi, fate, e dove il potere assoluto è affidato alla magia, ad un trittico di bacchette magiche che solo una Bright potrà governare. La coppia di agenti Ward e Jakoby, durante un loro normale pattugliamento notturno, si renderanno protagonisti di un susseguissi di accadimenti che cambieranno le sorti del mondo, cercando di proteggere con la loro stessa vita una ragazza elfo di nome Tikka (Lucy Fry).

Scheda:

Titolo originale: “Bright” – Regia: David Ayer – Produzione: Clubhouse Pictures, Overbrook Entertainment, Netflix – Distribuzione Netflix – Sceneggiatura: Max Landis – Musiche: David Sardy – Con: Will Smith, Joel Edgerton, Noomi Rapace, Kenneth Choi, Brad William Henke, Lucy Fry, Edgar Ramirez, Ike Barinholtz, Brandon Larracuente, Dawn Olivieri, Andrea Navedo, Alex Meraz, Chris Browning, Matt Gerald. – IMDb – Wikipedia – Facebook – 

Clicca QUI per guardare il film su Netflix.

 

Andrea GiostraANDREA GIOSTRA

https://andreagiostrafilm.blogspot.it

https://business.facebook.com/AndreaGiostraFilm/

https://www.facebook.com/andrea.giostra.37

https://www.facebook.com/andrea.giostra.31

https://plus.google.com/u/0/114620232579950145227

https://www.youtube.com/channel/UCJvCBdZmn_o9bWQA1IuD0Pg

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.