Bright, la recensione del film di Netflix con Will Smith :ilSicilia.it

La recensione

Bright, la recensione del film di Netflix con Will Smith

di
2 Gennaio 2018

“Bright” (2017), di David Ayer.

L’ultima produzione cinematografica di Netflix, si dice anche la più costosa finora con un costo di oltre 100 milioni di dollari, è “Bright” di David Ayer. Lo stesso regista di “End of Watch” (2012) e “Suicide Squad” (2016). Questa volta i protagonisti, di questo nuovo poliziesco fantasy, sono i bravissimi Will Smith, nei panni di Scott Ward un “poliziotto umano”, e Joel Edgerton, nei panni Nick Jakoby un “poliziotto orco”.

Il genere è azione, fantascienza, thriller, e certamente piacerà ai cineamatori che si appassionano a questi racconti. Non è un film per tutti, non lo è soprattutto per coloro che amano il cinema visto da una prospettiva realista. Di “realismo” qui ci sono le dinamiche tra culture, razze, tradizioni, costumi, usanze, appartenenze a clan e legami di sangue, le azioni frutto di fiducia e tradimenti, di amore per la giustizia e la viscerale cupidigia per il potere e il danaro, di volontà di dominare il mondo o di migliorarlo, di bonaccia al galleggiamento per sopravvivere o di rischio per il cambiamento. Insomma, le cose che tutti viviamo e che tutti sogniamo quotidianamente, chi più chi meno. Sono tutte queste le componenti che riescono ad essere ben miscelate in questo interessante film che tratta dinamiche umane e sociali con leggerezza, con una buona dose di umorismo, e con un messaggio che riesce a lanciare solo allo spettatore attento che saprà coglierlo. Chi vedrà, forse, capirà!

E’ una storia che descrive una città turbolenta, una Los Angeles di un futuro non troppo distante dai giorni nostri, travagliata, confusionaria, a più strati sociali e di potere, dove il caos primeggia sull’ordine. Una città popolata da umani, elfi, orchi, fate, e dove il potere assoluto è affidato alla magia, ad un trittico di bacchette magiche che solo una Bright potrà governare. La coppia di agenti Ward e Jakoby, durante un loro normale pattugliamento notturno, si renderanno protagonisti di un susseguissi di accadimenti che cambieranno le sorti del mondo, cercando di proteggere con la loro stessa vita una ragazza elfo di nome Tikka (Lucy Fry).

Scheda:

Titolo originale: “Bright” – Regia: David Ayer – Produzione: Clubhouse Pictures, Overbrook Entertainment, Netflix – Distribuzione Netflix – Sceneggiatura: Max Landis – Musiche: David Sardy – Con: Will Smith, Joel Edgerton, Noomi Rapace, Kenneth Choi, Brad William Henke, Lucy Fry, Edgar Ramirez, Ike Barinholtz, Brandon Larracuente, Dawn Olivieri, Andrea Navedo, Alex Meraz, Chris Browning, Matt Gerald. – IMDb – Wikipedia – Facebook – 

Clicca QUI per guardare il film su Netflix.

 

Andrea GiostraANDREA GIOSTRA

https://andreagiostrafilm.blogspot.it

https://business.facebook.com/AndreaGiostraFilm/

https://www.facebook.com/andrea.giostra.37

https://www.facebook.com/andrea.giostra.31

https://plus.google.com/u/0/114620232579950145227

https://www.youtube.com/channel/UCJvCBdZmn_o9bWQA1IuD0Pg

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin