Bruxelles bacchetta la Regione, bloccati i fondi europei :ilSicilia.it

per almeno sei mesi

Bruxelles bacchetta la Regione, bloccati i fondi europei

di
8 Agosto 2019

Alla fine il tanto paventato blocco è arrivato. Bruxelles ha interrotto l’erogazione dei fondi comunitari in Sicilia. Al momento sono soltanto 10 milioni di euro ma come un effetto domino lo schiaffo per la Regione Siciliana potrebbe essere ancora più grave, visto che entro l’anno, il governo dovrebbe spendere 400 milioni di euro di fondi comunitari.

La Commissione Europea  pare che accusi Palazzo d’Orleans di irregolarità delle spese eseguite. Da Bruxelles arriva una nota che comunica che probabilmente non dovrebbe rimborsare le somme che la Regione ha certificato nei primi sei mesi di quest’anno. Gli appalti contestati riguardano i grandi progetti che sono stati finanziati dalla Regione ma che inizialmente non erano compresi nei piani di spesa dei fondi europei.

Una forzatura normativa che da Bruxelles non è stata gradita. Appalti a quanto pare inseriti in extremis quando già lo scorso anno, Palazzo D’Orleans si trovò in forte ritardo sulle scadenze della spesa.

Insomma, sembrerebbe che le procedure eseguite dalla Regione per aumentare negli ultimi mesi i livelli di spesa ed evitare di perdere appunto i finanziamenti comunitari fanno acqua da tutte le parti.

Ma non è la prima volta che Bruxelles bacchetta la Sicilia. Uno dei casi più eclatanti riguarda il blocco di 380 milioni di euro bloccati dalla Corte europea.

Gravi carenze nella gestione e nei controlli” dei Fondi europei. È sostanzialmente questa la motivazione con cui Bruxells ha respinto definitivamente il ricorso dell’Italia contro il taglio di circa 380 milioni di euro ai fondi europei per la Sicilia (Por 2000-2006).

In pratica l’Ue non versò 380 milioni di euro di fondi stanziati per l’Isola, perché chi doveva controllare – la Regione – non ha controllato e questi fondi sarebbero finiti a fondo perduto in truffe e raggiri su progetti mai realizzati e comunque c’era il rischio che non fossero spesi per assenza di programmazione.

Chi ha sbagliato deve pagare” furibondo tuonava Musumeci a seguito della sentenza. Ma nel frattempo chi paga è lo sviluppo della Sicilia e i suoi abitanti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin