Bruxelles, il premio Cittadino Europeo va ai pescatori di Mazara del Vallo :ilSicilia.it
Trapani

Tumbiolo: “più attenzione dall’Unione Europea”

Bruxelles, il premio Cittadino Europeo va ai pescatori di Mazara del Vallo

di
12 Ottobre 2017

Presso la sede del Parlamento Europeo, a Bruxelles, è stato consegnato il “Premio Cittadino Europeo 2017”. Fra i vincitori del prestigioso riconoscimento, grazie alla proposta ed al sostegno delle Europarlamentari Michela Giuffrida e Cecile Kyenge, i pescatori di Mazara del Vallo che si sono distinti negli ultimi anni nel salvataggio di vite umane in mare.

Alla cerimonia di consegna del premio il Presidente del Distretto della Pesca e Crescita Blu, Giovanni Tumbiolo, ha consegnato nelle mani del Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, una lettera del Coordinamento Filiera Ittica Mazara nella quale si rappresenta tutta la gravità della situazione della pesca a Mazara del Vallo legata sia alle carenze infrastrutturali e, soprattutto, alla annosa “guerra del pesce”. (in allegato la lettera del Coordinamento Filiera Ittica Mazara al Presidente Tajani).

Tumbiolo ha incontrato pure il Vicepresidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, ed un folto gruppo di Europarlamentari, ribadendo la necessità di una maggiore attenzione degli alti organismi europei, in primis la Commissione Europea della Pesca ed il Consiglio, sulle vicende riguardanti la pesca mediterranea ed il complesso rapporto con i Paesi rivieraschi che mette a rischio quotidianamente la sicurezza in mare dei pescatori siciliani ed in particolare quelli di Mazara del Vallo. 

I nostri pescatori – ha spiegato Michela Giuffrida – non si tirano mai indietro nel salvare vite umane, rischiando perfino la loro vita. I pescatori siciliani, grazie al Premio, alto riconoscimento, sono i nuovi eroi del Mediterraneo. Il Parlamento Europeo è compattamente vicino alla marineria. Adesso bisogna coinvolgere tutte le Istituzioni europee”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin