BTE, Messina (Confesercenti Sicilia): "L'anno del rilancio per turismo. Occasione di chiudere contratti" CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it
Messina

la kermesse a capo d'orlando

BTE, Messina (Confesercenti Sicilia): “L’anno del rilancio per turismo. Occasione di chiudere contratti” CLICCA PER IL VIDEO

di
23 Settembre 2022

Al via la sesta edizione della BTE, la kermesse turistica che torna all’interno del porto di Capo d’Orlando, per il secondo anno consecutivo.

La borsa del turismo extralberghiero, dal 30 settembre al 2 ottobre, sarà l’occasione di promuovere la Sicilia, tra storia, cultura, paesaggi, artigianato ed enogastronomia. Appositi stand saranno allestiti nel porto turistico mettendo in vetrina i brand tipici dell’Isola.

Vittorio Messina, il presidente di Confesercenti Sicilia, ha spiegato in video collegamento con gli studi de ilSicilia.it, l’importanza di questo progetto, realizzato con il contributo della Regione. La vera ripartenza inizia da qui, al netto di due anni di pandemia da Covid 19.

“Confesercenti e Assoturismo con questo appuntamento aprono una porta a quello che è il turismo all’aria aperta in Sicilia. Un segmento economico importantissimo che non è il classico ricettivo, bensì extralberghiero, quindi fatto di B&B, di campeggi, di dimore storiche, di agriturismo”.

Si tratta di turismo sostenibile ed esperienziale. “E’ quello che ci viene chiesto dopo gli effetti della pandemia: oggi il turista ama gli spazi ampi, vivere la natura. Si tratta di una borsa che ci ha dato tante soddisfazioni. Ci saranno i tour operator stranieri che entreranno in contatto con gli operatori della nostra terra, un’occasione in cui si possono chiudere parecchi contratti. Quindi parliamo di una borsa a tutti gli effetti, con tanto di commerciale. Per non parlare del meraviglioso porticciolo di Capo d’Orlando, una cornice che farà il resto. D’altronde la Sicilia è bella in lungo e in largo e noi, con la BTE, contribuiamo a farla conoscere”.

La Borsa si compone, da un lato, degli aspetti commerciali che direttamente coinvolgono gli operatori della filiera turistica, dall’altro dei prodotti siciliani sponsorizzati dalla stessa BTE.

L’agroalimentare è una delle leve più importanti del turismo, già a partire dal 2019, dichiarato l’anno del cibo. Iniziò questo percorso di valorizzazione delle risorse agroalimentari, interrotto nel 2020 a causa della pandemia. L’intento fu quello di mettere a sistema questo aspetto con quello del turismo, e in Sicilia noi abbiamo una importantissima produzione nel settore agroalimentare sul quale scommettiamo perché rappresenta un ulteriore valore aggiunto ai numeri che alimentano i flussi turistici sul nostro territorio”.

“Dopo l’emergenza sanitaria, il 2022 è l’anno del rilancio. I numeri di questa stagione ci hanno dato ragione e ci fanno ben sperare. La prova dei fatti sarà la stagione autunnale: se i flussi che abbiamo registrato in estate si trasferiranno poi nelle città d’arte e in segmenti diversi dal turismo balneare, caratteristica del turismo italiano nei mesi di luglio e agosto, allora vorrà dire che realmente, non abbiamo superato la pandemia, ma abbiamo agganciato questa ripresa che sarà lunga. C’è da dire che in questi due anni, alternati tra riprese e chiusure di attività produttive, la vera boccata d’ossigeno per l’economia è stata il turismo, ormai vero e proprio comparto economico, l’unico che mostrato vivacità e reattività”.

Il caro bollette è una complicanza che può mettere a rischio i risultati raggiunti dopo la crisi sanitaria e, di riflesso, economica. “Il caro energia è devastante per l’industria del turismo. Abbiamo venduto pacchetti turistici a prezzi che non tenevano conto dei rincari di luce e gas. Quindi una parte degli introiti realizzati durante la stagione sono andati persi a causa dell’inflazione. Ma ci preoccupa è la stagione autunnale. Occorre risolvere il problema a livelli più alti, e necessità immissione di liquidità. Se le imprese non possono pagare la bolletta, saranno costrette a chiudere l’attività. Speriamo bene, altrimenti avremo da raccontare uno scenario diverso”.

L’etica sarà una delle componenti di questa edizione. “Quest’anno avremo i rappresentanti della borsa per la vita, una borsa che partirà da Agrigento nel 2023 e terminerà a Venezia, avendo l’obiettivo di stimolare le coscienze sul problema della SLA, promuovendo il turismo accessibile, mettendo assieme aspetti economici e sociali. Orgogliosi del fatto che questo messaggio parta dalla Sicilia”.

La kermesse dedicata al turismo extralberghiero costituisce un momento fondamentale per lo sviluppo di un sistema territoriale, consapevole di rappresentare una destinazione turistica di successo. Uno spazio espositivo pensato per alimentare sinergie e nuove relazioni commerciali. L’internazionalizzazione è il fil rouge: le aziende rappresentative del made in Sicily concorrono a rafforzare l’immagine della Sicilia oltre i confini, stando al passo con gli altri competitors.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Cosa porterei con me nel futuro? Di certo una penna,

In un epoca condizionata dall'uso della videoscrittura o dei messaggi sui social io mi tengo stretto la mia penna a sfera e per questo certo che quando i computer andranno in crac la penna continuerà a scrivere fin quando avrà inchiostro.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv