Buche a Palermo, Orlando getta la spugna: manutenzione delle strade tolta alla Rap :ilSicilia.it
Palermo

"Finalmente", dice Massimiliano Miconi (Ance)

Buche a Palermo, Orlando getta la spugna: manutenzione delle strade tolta alla Rap

di
7 Maggio 2020

“Siamo lieti che l’Amministrazione comunale abbia finalmente preso atto del fatto che la manutenzione delle strade in città, alla luce dei mancati risultati documentabili negli anni, non possa essere affidata alle ex municipalizzate. È una via virtuosa e moderna che indichiamo da tempo per dare rilancio ad uno dei servizi basilari per la città”.

Ad affermarlo è il presidente di Ance Palermo Massimiliano Miconi, a seguito della notizia dell’eliminazione dal contratto di servizio tra la Rap e il Comune di Palermo del servizio di manutenzione delle strade.

g7 taormina“Abbiamo più volte indicato al Comune quella che ci sembra l’unica via possibile per avere un servizio efficiente – aggiunge Miconi – ovvero manutenzioni fino ad un milione di euro assegnate alle imprese attraverso accordi quadro, come peraltro è stato già fatto per gli interventi manutentivi in parte degli uffici comunali e nelle scuole, con affidamento delle opere ad imprese qualificate che possano così intervenire quartiere per quartiere anche con il sostegno di un protocollo di legalità. Noi siamo disponibili a sedere ad un tavolo di concertazione con il Comune conclude il presidente di Ance Palermo – per dare il nostro contributo concreto affinché si trovi una soluzione rapida e soprattutto efficace per la gestione del servizio”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.