Bufera alla Camera di Commercio. "Operazione verità", ma non convince :ilSicilia.it
Palermo

LA CONFERENZA STAMPA NELLA SEDE PALERMITANA

Bufera alla Camera di Commercio. “Operazione verità”, ma non convince

di
21 Ottobre 2019

Il presidente della Camera di Commercio di Palermo ed Enna, Alessandro Albanese, cerca di fare una operazione verità in merito alle dimissioni degli undici consiglieri, espressione di Confcommercio. Anche se dalla conferenza stampa si evince un problema più che politico che tecnico in merito al ‘quasi’ dimezzamento del consiglio camerale.

Nella sede di via Emerico Amari, il presidente di Sicindustria, snocciola dei risultati operativi che stando alle sue parole: “Superano ogni rosea previsione che è stata possibile grazie all’impegno costante dell’attuale amministrazione. La camera di commercio Palermo Enna ha chiuso il 2018 riducendo il disavanzo di oltre il 50% rispetto all’anno precedente”.

Le Camere dell’Isola sono, infatti, gli unici enti pubblici del panorama nazionale costretti ancora a pagare le pensioni dei propri ex dipendenti caricandone l’onere sul bilancio corrente. Situazione che, unita al taglio del 50% dei diritti camerali deliberato a livello nazionale nel 2014, ha di fatto reso insostenibile la situazione degli stessi enti. Nello specifico, la Camera di Commercio di Palermo ed Enna, che ha in carico 205 pensionati a fronte di 89 dipendenti di ruolo in servizio, al netto degli oneri pensionistici pari a 7,6 milioni di euro, avrebbe prodotto nel 2018 un avanzo di gestione di 5,6 milioni. È proprio su questo che – sottolineano dall’ente camerale – abbiamo lavorato incessantemente riuscendo ad ottenere due risultati importantissimi: l’autorizzazione alla costituzione, dopo 50 anni, da parte della Regione siciliana che esercita la vigilanza sugli enti camerali, di un unico Fondo pensioni camerali e l’introduzione nella legge finanziaria nazionale (L. 205/2017) di un articolo (comma 784) che prevede la salvaguardia delle Cciaa in condizioni di predissesto strutturale (e quindi tutti gli enti siciliani), permettendo di aumentare il diritto annuale sino al 50% del valore”.

Nel frattempo, Albanese ha scritto all’Assessorato alle attività produttive per il reintegro degli undici elementi. Entro 15 giorni dagli uffici dell’Assessorato dovrebbe esserci un ‘riciclo’ dei consiglieri.

Ma più di una domanda fa accendere i riflettori in merito alle concomitanza temporale delle dimissioni e la situazione di Gesap che ha investito l’aeroporto di Punta Raisi qualche settimana. Albanese oltre che essere componente del Cda alla Gesap, è espressione della Camera di Commercio all’interno della Spa in quanto socia al 23%.

Alla domanda: “le dimissioni di undici consiglieri dalla Camera di Commercio e quelle dei consiglieri della Gesap, la società di gestione dell’aeroporto di Palermo, sono in qualche modo legate?“.

Le voglio considerare due cose completamente diverse“. Ha cosi’ risposto, Alessandro Albanese. “Sarebbe una cosa così grave da investire tutto il sistema della rappresentanza – ha aggiunto -. Non voglio, non posso e non devo considerarle due cose unite. Da sempre la Camera di Commercio tende a valorizzare al meglio il patrimonio economico di Gesap“.

Ma proprio durante la conferenza stampa in cui erano presenti sindacati e qualche componente del consiglio camerale, sottovoce e in modo timido  si evince un segnale positivo per la privatizzazione della società aeroportuale. Privatizzazione che di fatto non è ben gradita dal comune di Palermo, socio Gesap al 41,3%.

Se ci fossero stati dei problemi su alcune vicende con i consiglieri dimessi, avrei potuto capire quale sia stata la loro posizione. Certo è che se ci sono state delle difficoltà non sono state palesate”. Afferma a IlSicilia.it, Albanese.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin