Bufera su Dolce&Gabbana, lo spot del cannolo siciliano fa infuriare la Cina. Le scuse | VIDEO :ilSicilia.it

il caso

Bufera su Dolce&Gabbana, lo spot del cannolo siciliano fa infuriare la Cina. Le scuse | VIDEO

di
23 Novembre 2018

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

È diventato un vero e proprio caso diplomatico. La nuova serie di spot di Dolce&Gabbana ha fatto infuriare la Cina. Una campagna pubblicitaria con tre prodotti italiani (pizza, pasta e cannolo siciliano) mangiati con le bacchette da una bella modella cinese.

Lo spot è stato ritenuto razzista e sessista, causando un incidente diplomatico non da poco: i cinesi infatti hanno bloccato le vendite del marchio D&G. Un grande danno per il made in Italy, con l’annullamento dell’ultima sfilata D&G a Pechino e la rimozione dalle principali piattaforme di e-commerce cinesi dei prodotti della casa di moda.

Da qui, il video di scuse, diffuso oggi dai due noti stilisti:

“In questi giorni abbiamo ripensato moltissimo, con grande dispiacere, a tutto quello che ci è successo e a quello che abbiamo causato nel vostro Paese e ci scusiamo moltissimo. Prendiamo molto seriamente questa scusa e questo messaggio”. I due dichiarano di aver sbagliato modo di esprimersi, “non succederà mai più”.

Domeni Dolce (siciliano di Polizzi Generosa) e Stefano Gabbana raccontano che i loro genitori “hanno sempre insegnato a rispettare le varie culture di tutto il mondo e per questo vogliamo chiedervi scusa se abbiamo commesso degli errori nell’interpretare la vostra”. Dolce aggiunge: “Siamo sempre stati molto innamorati della Cina: abbiamo visitato moltissime città, amiamo la vostra cultura e certamente abbiamo ancora molto da imparare”.

Il video si conclude con la parola cinese usata proprio per chiedere scusa,”duibuqi”, pronunciata da entrambi gli stilisti in segno di pentimento.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin