"Bus e tram con pochi passeggeri a Palermo", Bruxelles bacchetta Orlando :ilSicilia.it
Palermo

la relazione della Corte dei Conti Ue

“Bus e tram con pochi passeggeri a Palermo”, Bruxelles bacchetta Orlando

di
3 Marzo 2020

I progetti cofinanziati dall’Ue a Napoli e Palermo per aumentare l’uso dell’autobus e del tram hanno “subito notevoli ritardi”. E una volta che “i progetti sono stati completati, il numero effettivo di utenti è risultato significativamente inferiore a quello programmato“.

A metterlo nero su bianco è la Corte dei Conti Ue che in una relazione sulla mobilità sostenibile, redatta dopo aver visitato 8 città in quattro Paesi europei (Italia, Spagna, Germania e Polonia), bacchettano la Giunta Orlando.

Tram Palermo-Linee-Amat-eds-biglietti
FOTO © D.G.

A Palermo, i revisori hanno esaminato la costruzione della linea del tram e l’acquisto di autobus nuovi, con 137 e 11 milioni di euro stanziati (103 e 8 dall’Ue). Nonostante l’acquisto di nuovi bus, inoltre, sia nel capoluogo campano che in quello siciliano l’età media del parco vetture è aumentata dal 2013 al 2018 da 12,1 a 13,4 anni per Napoli e da 10,3 a 12,4 anni per Palermo. In generale, sottolineano i revisori Ue, nonostante i finanziamenti Ue nelle città europee non c’è stata “riduzione significativa nell’uso dell’automobile e l’inquinamento in molte città tuttora supera i limiti di sicurezza”.

Insomma nuove grane per l’assessore alla Mobilità Giusto Catania e per il sindaco Orlando.

Il MIT lo scorso 18 dicembre ha bocciato il progetto delle nuove linee tram D-E-F-G, dando tempo fino al 30 aprile per integrare i documenti tecnici. A Palazzo delle Aquile hanno meno di due mesi per convincere il Ministero dei Trasporti e l’Europa che il progetto delle nuove linee di tram è valido e conveniente.

 

 

LEGGI ANCHE:

Nuove linee Tram: tre mesi per sperare, ecco perchè Palermo rischia di non ottenere i fondi

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.