Busalacchi for president. L'ex supermanager della Regione corre per Palazzo d'Orleans :ilSicilia.it
Palermo

Sabato mattina la presentazione del programma politico

Busalacchi for president. L’ex supermanager della Regione corre per Palazzo d’Orleans

di
8 Febbraio 2017

“Liberiamo la Sicilia”: è questo lo slogan che accompagnerà l’ex dirigente generale della Regione siciliana nonché leader dell’associazione “I Nuovi Vespri“, Franco Busalacchi, nella sua corsa verso la Presidenza della Regione.

Sabato, alle 10:30, nella sede dell’agenzia di stampa Italpress, in via Dante 69, a Palermo, Busalacchi illustrerà ai giornalisti i motivi che lo hanno convinto a scendere in campo, i suoi obiettivi, il suo programma (da sempre portatore di istanze indipendentiste) e la sua idea “di una Sicilia libera dai nemici interni e da quelli esterni”.

“So che sarà dura – sottolinea – ma sono convinto, grazie alla mia esperienza, di essere in grado di rimettere in piedi la nostra Regione. E sono anche convinto che i Siciliani siano pronti ad una svolta vera e radicale. La guida di un’Amministrazione regionale in grado di cambiare le cose deve però essere affidata a persone competenti che non prendono ordini né da Roma, né da Milano”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin