Busalacchi: "Siciliani come rane bollite. E' il momento di cacciare gli ascari dalla politica" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Il leader degli autonomisti propone reddito cittadinanza per i giovani

Busalacchi: “Siciliani come rane bollite. E’ il momento di cacciare gli ascari dalla politica”

di
11 Febbraio 2017

Possiamo cambiare la nostra storia e liberare la Sicilia da questa politica ascaristica e da politici che non rispondono agli interessi dei propri cittadini“. Franco Busalacchi lancia la propria candidatura alla presidenza della Regione siciliana. Nel corso di una conferenza stampa nella sede dell’agenzia Italpress alla quale ha partecipato anche il giovane filosofo Diego Fusaro, il leader dell’associazione culturale “I Nuovi Vespri” si fa promotore di una svolta autonomista e federalista per l’Isola, martoriata, come l’intero Sud, “da 150 anni di scelte scellerate. Noi siciliani – precisa – siamo capaci di sopportare qualsiasi cosa. Siamo come rane bollite. Dobbiamo liberarci di questa politica, ma senza paura“. Busalacchi lancia una stoccata a Davide Faraone (“C’e’ chi organizza Bertolde, Leopolde e tavoli tematici: c’e’ bisogno di fare pensatoi per capire che il problema principale e’ la disoccupazione, specie quella giovanile?“), lancia un messaggio agli oltre 2 milioni di siciliani, in gran parte giovani, che nel 2012 non sono andati a votare per le elezioni regionali (“Crocetta non e’ il presidente dei siciliani, ma di un ottavo dei siciliani”, racconta) e attacca coloro che “da siciliani, hanno posti di rilievo nella politica, dimenticandosi poi pero’ della Sicilia“. Nel programma, l’inserimento del reddito di cittadinanza e una lotta “feroce” alla disoccupazione. “In Europa solo tre Stati, Italia, Ungheria e Grecia non hanno il reddito di cittadinanza. E in questi stati c’e’ disoccupazione e miseria. Tagliando i vitalizi dei parlamentari, possiamo dare un sollievo a chi sta male“, sottolinea lo scrittore ed ex dirigente regionale, aggiungendo di avere “grande stima degli elettori grillini, sono tanti ragazzi indignati, insoddisfatti. Cercano il nuovo, un punto di riferimento e d’appoggio che gli cambi la vita. Io pero’ – precisa Busalacchi – sono sempre piu’ convinto che non bastano le dichiarazioni di onesta’: se vediamo e osserviamo le vicende della citta’ di Roma e i fallimenti di quella povera donna messa in un posto che non e’ il suo (Virginia Raggi, ndr), ci accorgiamo che la carenza di capacita’ amministrative e’ fatale. D’accordo le idee e gli obiettivi, ma bisogna saperli raggiungere”. Busalacchi sa che “sara’ dura ma sono convinto, grazie alla mia esperienza, di essere in grado di rimettere in piedi la nostra Regione. La guida di un’Amministrazione regionale in grado di cambiare le cose – conclude – deve pero’ essere affidata a persone competenti che non prendono ordini ne’ da Roma, ne’ da Milano“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin