12 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.08
Trapani

Fa parte della nostra cucina povera

Busiate col pesto alla trapanese, un primo piatto che viene da lontano [La ricetta]

27 Maggio 2019

Penetrare nelle bontà siciliane è una vera goduria, ma oggi partiremo dalla lontana Liguria per raccontarvi il “pesto alla trapanese“. Quello ligure è noto, amato da tutti e ha origini antiche che sono state tramandata nei secoli. Questa prelibatezza ha avuto delle varianti e tra le più buone, non per campanilismo, è sicuramente quello nato a Trapani.

Origini del pesto alla trapanese
Nel porto di Trapani si fermavano le navi genovesi che, in transito da e verso l’oriente, erano cariche dei prodotti tipici della loro terra e tra questi era presente l’agliata genovese, ovvero un pesto fatto con basilico, aglio e noci. I siciliani, geniali, la rielaborarono, sostituendo alle noci le mandorle e aggiungendo il pomodoro. Nacque così la “pasta cull’agghia“, italianizzato in “pesto alla trapanese“, proprio per definire la sua origine. Si tratta di un piatto povero, inserito tra i Prodotti agroalimentari tradizionali siciliani riconosciuti dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, su proposta della Regione Siciliana.

Questa ricetta mostra, una volta di più, come la nostra cucina sia un melting pot di culture e sapori. Come pasta consigliamo le busiate, un tipo di maccheroni lunghi originari del trapanese, che prendono il nome da “buso”, un particolare ferro da maglia che, proprio nel trapanese era utilizzato per lavorare tessuti quali il cotone o la lana o alla “busa“, parola siciliana che indica una pianta graminacea, ampelodesmos mauritanicus, della macchia mediterranea che i contadini della zona utilizzavano per avvolgere e legare i fasci di spighe. Questa è la ipotesi più accreditata. La Busiata è prodotta avvolgendo un filo di pasta attorno a un ramoscello di ampelodesmos mauritanicus; ma è arrivato il tempo di scrivere la ricetta per, poi, mangiarla.

Ingredienti per 4 persone

  • 400 g di pasta
  • 500 g pomodori
  • basilico fresco
  • mandorle pelate
  • aglio
  • sale
  • olio
  • pecorino
  • pepe nero

Procedimento

1. Mettete dentro un mixer ad immersione o, se preferite, un mortaio le mandorle pelate, i pomodori, precedentemente buttati per un minuto in acqua bollente e sbucciati, e tutti gli ingredienti.

2. Frullateli fino ad ottenere una crema granulosa ma omogenea, scolate la pasta e amalgamatela con la salsa.

Il pranzo o la cena, a vostro piacimento, sono servite.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.