Bypassato il blocco del cemento. Addio ai ruderi industriali, il Consiglio dà l'ok a 400 nuovi alloggi :ilSicilia.it
Palermo

Pioggia di delibere al vaglio del Consiglio

Bypassato il blocco del cemento. Addio ai ruderi industriali, il Consiglio dà l’ok a 400 nuovi alloggi

di
21 Aprile 2017
Ex Cotonificio - Partanna Mondello
Ex Cotonificio – Partanna Mondello

A Palermo si tornerà a costruire. Ben 400 appartamenti nuovi di zecca che sorgeranno al posto di ruderi industriali semi-abbandonati. È questo il piano approvato dal Consiglio Comunale di Palermo, secondo quanto riferisce un articolo del Gds in edicola oggi. “Alcune cooperative hanno acquistato insediamenti industriali ormai inutilizzati, e ora possono iniziare i lavori”, scrive Salvatore Ferro sul quotidiano.

Ma cosa prevede esattamente il piano? Con il via libera, un manipolo di cooperative edilizie, potranno abbattere i ruderi e costruire case a Partanna Mondello (al posto dell’ex cotonificio pieno di amianto), in via Messina Marine e in via Tiro a Segno (ex mulino Virga).

 

L’iter, avviato nel 2014, non si scontra col “blocco del cemento” in quanto «le concessioni – si legge sul Giornale di Sicilia – sono possibili perché riguardano aree in zona D del Piano Regolatore: insediamenti industriali dismessi». Ecco le cooperative e i progetti che saranno portati avanti anche grazie ai finanziamenti della regionali: «La coop Aiace con La Tartaruga, XVI Ottobre e Giustizia, realizzeranno 220 alloggi in via Aiace, ex cotonificio di Partanna Mondello; Euroscope – scrive il Gds – 50 appartamenti in via Messina Marine; Fiamme Oro, 68 in via Tiro a Segno, ex mulino Virga; La Tiziana di Tommaso Natale, 28. In pratica, le cooperative hanno acquistato aree di insediamenti industriali defunti e ora possono mettere mano ai ponteggi. C’è accordo tra le forze consiliari, i nuovi alloggi si faranno».

 

Via Emerico Amari - cantieri dell'Anello Ferroviario
Via Emerico Amari – cantieri dell’Anello Ferroviario

Prevista in questi giorni in Consiglio una vera e propria “pioggia di delibere”. Tra queste: l’ok al progetto per la chiesa di fondo Margifaraci, a ridosso dell’aeroporto di Boccadifalco; l’ampliamento della via Belvedere per decongestionare il traffico tra via Pitrè e la zona di viale Leonardo da Vinci; lo spostamento di 3 mercatini (viale Campania, via Pecoraino e via Beato Angelico); i tanto attesi sgravi fiscali per i commercianti penalizzati dai cantieri in città (si veda le richieste dell’associazione Amari Cantieri); l’apertura del Centro storico ai negozi di medie dimensioni con l’eliminazione del limite dei 200 metri quadrati; e i Programmi di riqualificazione urbana e di sviluppo sostenibile del territorio (Prusst).

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.