Caccamo, il funerale di Roberta Siragusa: "Sconvolti davanti al suo corpo martoriato" | VIDEO :ilSicilia.it

Caccamo, il funerale di Roberta Siragusa: “Sconvolti davanti al suo corpo martoriato” | VIDEO

di
4 Febbraio 2021

IL VIDEO IN ALTO

È il giorno dell’addio a Roberta Siragusa, la diciassettenne uccisa dal fidanzato e il cui corpo è stato rinvenuto in fondo ad un dirupo alle porte di Caccamo, in provincia di Palermo, il 24 gennaio scorso.

Stamane alle 11 i funerali nella chiesa parrocchiale della Santissima Annunziata, officiati dall’arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice. A Caccamo è stato proclamato il lutto cittadino. La salma è giunta nel paese nella notte tra martedì e mercoledì, dopo l’autopsia disposta dal gip di Termini Imerese. Il paese si ferma per alcune ore.

Nei balconi sono esposti striscioni, lenzuoli e cartelli con la scritta “Io sono Roberta”. La celebrazione religiosa trasmessa in diretta streaming sui canali social del Comune di Caccamo.

Si ferma anche la scuola: “Tutta la comunità scolastica si unisce al dolore della mamma, del papà, del fratello – dice la dirigente Patrizia Graziano – le lezioni del Liceo delle Scienze umane e dell’Ipsseoa sono sospese per permettere di rendere l’ultimo omaggio a Roberta”.

La scuola è rappresentata in parrocchia da una delegazione che comprende i rappresentanti di Istituto. L’esame autoptico non ha chiarito le cause del decesso. Sono state confermate vaste bruciature nella parte superiore del corpo e sono stati prelevati campioni da alcune lesioni e dagli organi interni per effettuare gli esami istologici. L’unico indagato è il fidanzato, Pietro Morreale, 19 anni, detenuto in carcere per omicidio volontario e occultamento di cadavere.

 

L’OMELIA DI LOREFICE:

«Siamo qui, sconvolti. Senza parole. Dinnanzi al corpo di Roberta. Corpo martoriato. Sacrificato. Vita che ci è stata rubata. Perché? Ancora una volta, risuona un grido: perché? Perché questo strazio indicibile inflitto ai cari genitori Iana e Filippo, al fratello Dario, ai familiari, agli amici, alla città intera? Una vita distrutta e rubata troppo presto, in modo oltremodo crudele. L’uomo – dice la Parola di Dio – ha due strade: quella della relazione e quella della violenza. E oggi vediamo come la violenza abbia distrutto la bellezza di Roberta, la bellezza delle sue relazioni, la bellezza che lei aveva il compito di far crescere nel mondo. Senza parole. In certi momenti si vorrebbe solo stare in silenzio e piangere sommessamente un dolore indicibile, inaudito. Un corpo che aveva il fuoco della vita e si apriva al fuoco dell’amore è davanti noi, sfigurato dalle fiamme della violenza. Se il cuore non arde di amore divampa il fuoco devastante della violenza. E in questo corpo bruciato ci sembra che sia racchiuso il dolore di un mondo nel quale ancora domina la violenza. Oggi, in questo mondo sempre più segnato dalla violenza e lacerato da conflitti, assistiamo alla barbarie di corpi abusati, mutilati, eliminati, ricacciati e rinchiusi in luoghi di tortura. 

Nel corpo di Roberta piangiamo il destino dell’umanità quando essa sceglie la violenza, la morte. Non ci sono parole per consolare il vostro strazio, cari genitori. Siamo in silenzio con voi. E vi doniamo le nostre lacrime. L’intera famiglia umana oggi piange Roberta. E noi qui, stamattina, anzitutto la consegniamo ad un Corpo che è stato anch’esso martoriato e ucciso: il Corpo crocifisso di Gesù di Nazareth. Ucciso con violenza da uomini che non sapevano quello che facevano (cfr Lc 23,34). Perché chiunque è violento non sa che la violenza ha la forza distruttiva di una bomba all’idrogeno: provoca una deflagrazione a cascata. Nel costato di Cristo, aperto e trafitto con violenza, entrano tutti i cuori lacerati dalla violenza. I cuori lacerati dei familiari di Roberta. I cuori di noi tutti. Non abbiamo parole da darvi, sorelle e fratelli; solo un Corpo, un Cuore, dentro il quale piangere il dolore senza fine della vostra e nostra “piccola” Roberta così martoriata. Ma il cuore di Cristo attende anche il dolore – che deve essere dilaniante – e il pentimento, a caro prezzo certamente, di coloro che provocano violenza. La nostra ribellione, la nostra condanna si ferma. Pensiamo a quel verso, citato da Francesco Carnelutti, che fu scritto per placare dei cuori distrutti dal dolore, di fronte ai loro carnefici: “Vedo nei tuoi occhi tutta la mia possibilità di male”. Anche il dolore di chi è colpevole ha diritto ad entrare nel cuore di Cristo. Gesù nel Vangelo dice agli affaticati e agli oppressi: «Venite a me!» (Mt 11, 28). Io oggi ripeto il suo invito: “Venite nel riposo di Cristo”. Vieni Roberta nel suo cuore! Il tuo corpo ustionato dalla violenza sarà trasfigurato dall’ardente amore di Dio che ti ha dato vita e bellezza. Egli – come nostro Padre ‒ non sopporta la corruzione del sepolcro e non permetterà che la tua vita sia sprecata (cfr Sal 15,10; At 2,27). Perché Dio che «è Amore» (1Gv 4,8.16), trova sempre la via della Pasqua, la via della rinascita, la via della vita. La tua bellezza insanguinata e sfigurata, nel Crocifisso Risorto splenderà per l’eternità. Venite a Lui, al suo amore, alla sua misericordia, voi a cui Roberta è stata strappata: tu mamma Iana, tu papà Filippo, tu Dario suo amato fratello. Voi suoi amici. Solo nostro Signore, che è morto sfigurato nell’abbandono della croce, dopo aver squarciato con un grido il silenzio del Padre, solo Lui sa come starvi vicini. Senza parole.

Accogliendo il vostro silenzio e il vostro grido, la vostra ribellione e la vostra disperazione. Il vostro desiderio di riabbracciare per sempre Roberta. Di comunione eterna. Che solo Dio può dare! A Lui vengano oggi anche tutti quelli che fanno e hanno fatto violenza, perché alla sua luce comprenderanno l’enormità di quel che hanno fatto. Piangeranno lacrime amare e potranno essere purificati dal Sangue di Cristo. Sorelle, fratelli andiamo tutti insieme al Signore, al suo riposo, al suo abbraccio, al suo cuore. «Perché forte è il suo amore per noi» (Sal 116,2). Per imparare che solo l’amore è garanzia di bellezza, che solo se ci amiamo gli uni gli altri saremo felici, che solo la relazione rende dorati i legami, che solo il rispetto della dignità dell’altro, dei bambini e delle donne anzitutto, ci sarà garanzia di un futuro umano. «Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l’amore è da Dio: chiunque ama è generato da Dio e conosce Dio. Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore» (1Gv 4,7-8). È la logica di questo amore, di questa accoglienza, che risuona nel Vangelo che abbiamo proclamato: Dio è dalla parte di coloro che piangono, che soffrono, che sono poveri e senza difesa, misericordiosi, miti, puri di cuore (cfr Lc 6,7-12). Costoro Dio non li abbandona, perché Lui è fatto così. Li proclama beati. Li rialza. Li rimette in cammino (André Chouraqui, traduce beati con «en marche», “avanti”). Ama gli oppressi: dalla vita, dalla violenza, dal peccato. In maniera scandalosa e incontrastabile, Dio rovescia il tavolo della storia dei grandi e dei forti, ponendovi sopra una parola contraria a quella del potere e della violenza, della ricchezza e del sopruso, dell’io bramoso e possessivo. In questo annuncio di oggi ci raggiunge un paradosso ma ci rianima una speranza. Non siamo soli. Dove sembrano regnare la povertà, l’abbandono, dove ci sentiamo ultimi e senza futuro, Dio fa accadere oggi il suo futuro, apre le porte di un Regno che non è per domani, ma ‘oggi’. In una maniera che ci resta nascosta e che pure intuiamo ogni volta che si manifesta l’amore, ogni volta che l’amore, la relazione amante, sconfessa e contesta la menzogna della violenza. Da questa parola siamo tutti interpellati.

Nessuno la può ascoltare sentendosi giusto. Ma guardando a questo Dio siamo chiamati a porre i segni dell’amore, ad affrontare quotidianamente la violenza con il bene, con l’amore, a rischiare per contrastarla, dentro e fuori di noi. «Noi amiamo, perché egli ci ha amati per primo. Se uno dicesse: «Io amo Dio», e odiasse il suo fratello, è un mentitore» (1Gv 4, 19-20). Scegliamo il sogno di Cristo. Il sogno dell’amore. Lo dobbiamo a Roberta e a tutte le vittime dell’odio e della violenza, alle nuove generazioni. Contribuiamo insieme a costruire una città umana che, come ci ricorda papa Francesco, «rispetta la vita e offre speranze di vita […], che si prende cura del bambino, che soccorre come un fratello il povero e chi arriva in cerca di accoglienza perché non ha più nulla e chiede riparo. […] che ascolta e valorizza le persone malate e anziane, perché non siano ridotte a improduttivi oggetti di scarto. […] dove i giovani respirano l’aria pulita dell’onestà, amano la bellezza della cultura e di una vita semplice, non inquinata dagli infiniti bisogni del consumismo; dove sposarsi e avere figli sono una responsabilità e una gioia grande, non un problema dato dalla mancanza di un lavoro sufficientemente stabile. […] che promuove e tutela i diritti di ciascuno, senza dimenticare i doveri verso tutti». Ci sia compagna in questo viaggio di conversione e di speranza la Vergine Maria, colei che diciamo Addolorata perché vide per prima nel suo Figlio sul Golgota tutto il dolore e tutta la violenza nel mondo, e ne fu trafitta, secondo la profezia del vecchio Simeone. Oggi lei ci abbracci e ci conduca dinanzi al Cristo, al cospetto del Padre, a sentire e a capire, quasi al di là di noi, come nell’amore innocente tradito e abbattuto si celi la potenza, si nasconda l’energia trasfigurante della risurrezione. Annunciandovi questa speranza, ascoltando questa parola, vi abbraccio con affetto profondo di padre e di fratello, consegnando con voi e per voi la cara Roberta, la nostra Roberta, nelle braccia del Padre, al suo abbraccio che non delude e non finisce. Amen».

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco