Caccia a Matteo Messina Denaro, notte di rastrellamenti e perquisizioni nel Trapanese :ilSicilia.it
Trapani

Arrestato il capomafia di Mazara del Vallo. Battuta a tappeto la provincia

Caccia a Messina Denaro, rastrellamenti e perquisizioni nel Trapanese

di
11 Dicembre 2018

Notte di rastrellamenti e perquisizioni nel Trapanese, dove centinaia di Carabinieri del Ros e del comando provinciale di Trapani, coordinati dal procuratore capo di Palermo Francesco Lo Voi e dall’aggiunto Paolo Guido della Dda di Palermo, hanno effettuato perquisizioni nei confronti di 25 indagati ritenuti, a vario titolo, fiancheggiatori e favoreggiatori della latitanza di Matteo Messina Denaro.

Battuta a tappeto Castelvetrano, dove dalle 4 del mattino  i lampeggianti dei carabinieri hanno illuminato a giorno le strade principali del paese. Perquisizioni anche a Mazara del Vallo, Campobello di Mazara, Salemi, Santa Ninfa e Marsala.

Fermato un esponente di spicco di Cosa nostra di Mazara del Vallo, si tratta di Matteo Tamburello, ritenuto reggente della locale famiglia mafiosa. Per gli investigatori avrebbe preso il posto del padre Salvatore, finito in manette nel 2006 per associazione mafiosa. A suo carico oltre al reato associativo anche quelli di trasferimento fraudolento di valori e violazione degli obblighi inerenti la sorveglianza speciale. Tamburello è un imprenditore è, da tempo, i suoi affari ruotavano nell’ambito dell’eolico. Proprio a Mazara del Vallo avrebbe lavorato per impiantare nuove pale.

Appartamenti, depositi, cascine, garage e stalle. I militari dell’Arma hanno effettuato perquisizioni alla ricerca di tracce, di ogni elemento utile per la cattura di Matteo Messina Denaro. Obiettivo, fare terra bruciata attorno al capomafia di Castelvetrano, rendendo la sua latitanza ancora più difficile e solitaria.

Durante il blitz sono finite in manette altre due persone perchè trovate in possesso di due pistole detenute illegalmente.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.