19 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.52
Trapani

Arrestato il capomafia di Mazara del Vallo. Battuta a tappeto la provincia

Caccia a Messina Denaro, rastrellamenti e perquisizioni nel Trapanese

11 Dicembre 2018

Notte di rastrellamenti e perquisizioni nel Trapanese, dove centinaia di Carabinieri del Ros e del comando provinciale di Trapani, coordinati dal procuratore capo di Palermo Francesco Lo Voi e dall’aggiunto Paolo Guido della Dda di Palermo, hanno effettuato perquisizioni nei confronti di 25 indagati ritenuti, a vario titolo, fiancheggiatori e favoreggiatori della latitanza di Matteo Messina Denaro.

Battuta a tappeto Castelvetrano, dove dalle 4 del mattino  i lampeggianti dei carabinieri hanno illuminato a giorno le strade principali del paese. Perquisizioni anche a Mazara del Vallo, Campobello di Mazara, Salemi, Santa Ninfa e Marsala.

Fermato un esponente di spicco di Cosa nostra di Mazara del Vallo, si tratta di Matteo Tamburello, ritenuto reggente della locale famiglia mafiosa. Per gli investigatori avrebbe preso il posto del padre Salvatore, finito in manette nel 2006 per associazione mafiosa. A suo carico oltre al reato associativo anche quelli di trasferimento fraudolento di valori e violazione degli obblighi inerenti la sorveglianza speciale. Tamburello è un imprenditore è, da tempo, i suoi affari ruotavano nell’ambito dell’eolico. Proprio a Mazara del Vallo avrebbe lavorato per impiantare nuove pale.

Appartamenti, depositi, cascine, garage e stalle. I militari dell’Arma hanno effettuato perquisizioni alla ricerca di tracce, di ogni elemento utile per la cattura di Matteo Messina Denaro. Obiettivo, fare terra bruciata attorno al capomafia di Castelvetrano, rendendo la sua latitanza ancora più difficile e solitaria.

Durante il blitz sono finite in manette altre due persone perchè trovate in possesso di due pistole detenute illegalmente.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.