Cadavere murato in Brianza, fu omicidio passionale ordinato in Sicilia :ilSicilia.it

I dettagli dell'inchiesta

Cadavere murato in Brianza, fu omicidio passionale ordinato in Sicilia

di
8 Marzo 2019

Quello di Astrit Lamaj è stato un omicidio passionale. L’uomo fu ucciso il 15 gennaio del 2013 all’età di 42 anni e le sue ossa furono rinvenute a settembre del 2018 un pozzo artesiano di una villa in ristrutturazione in Brianza. Ma il delitto si sarebbe sviluppato in un contesto molto vicino alla mafia siciliana di Riesi, in provincia di Caltanissetta, sede di un mandamento legato alla famiglia Cammarata.

A ricostruire l’intricata vicenda sono stati i carabinieri del gruppo di Monza, insieme a quelli di Enna e Genova con il coordinamento della Procura di Monza che ha emesso un fermo di indiziato di delitto per omicidio e distruzione di cadavere ai danni di quattro persone (una donna e tre uomini) e indagato in tutto sette persone.

Si attende la convalida della misura eseguita mercoledì. Ad ordinare di uccidere l’albanese sarebbe stata infatti la sua ex compagna, una donna siciliana di 64 anni, residente a Genova e titolare di un negozio di gioielli. Si sarebbe trattato di un assassinio premeditato e la cui preparazione è durata circa un anno: la donna non si sarebbe rassegnata al fatto di essere stata lasciata e non avrebbe perdonato all’albanese di averle rubato dei gioielli, quindi avrebbe chiamato a raccolta persone che conosceva nel suo paese di origine in Sicilia, per organizzare l’agguato.

La donna non è pregiudicata ma ha conoscenze importanti nell’ambito della mafia di Riesi. Qualcuno poi ha dato l’ok e consentito l’omicidio, a quel punto c’è stata la preparazione e soggetti siciliani si sono recati a Milano per eseguirla“, ha spiegato il maggiore che ha seguito le indagini. L’indagine è stata possibile grazie alle dichiarazioni di un pentito nell’ambito di un’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta: senza i suoi indizi nessuno avrebbe trovato il pozzo artesiano né le ossa del quarantaduenne.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Cosa porterei con me nel futuro? Di certo una penna,

In un epoca condizionata dall'uso della videoscrittura o dei messaggi sui social io mi tengo stretto la mia penna a sfera e per questo certo che quando i computer andranno in crac la penna continuerà a scrivere fin quando avrà inchiostro.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv