Cade da un dirupo con l'autobotte mentre va a spegnere incendio, morto un forestale :ilSicilia.it
Messina

LA TRAGEDIA IERI A MESSINA

Cade da un dirupo con l’autobotte mentre va a spegnere incendio, morto un forestale

di
2 Agosto 2020

Un’autista della forestale, Paolo Todaro 67 anni, è morto ieri pomeriggio cadendo in un dirupo con la sua autobotte mentre andava al villaggio di San Filippo a Messina per spegnere un incendio.

Indagini sono in atto per capire se l’uomo sia stato colto da malore e per questo sia quindi uscito fuori strada. Sul posto ieri forze dell’ordine e il magistrato di turno.

L’uomo, originario di Mili San Marco, lascia la moglie, casalinga, e una figlia.

CISL: “FARE PRESTO LUCE SU CAUSE DELL’INCIDENTE”

La Fai Cisl Sicilia esprime profondo cordoglio alla famiglia dell’operaio della Forestale, morto mentre andava a spegnere un incendio al villaggio di San Filippo a Messina. “Confidiamo nell’operato degli inquirenti e delle forze dell’ordine, affinché si faccia luce in tempi brevissimi su quanto accaduto” commenta Pierluigi Manca, segretario generale Fai Cisl Sicilia.

Il dirigente responsabile dell’Ispettorato ripartimentale forestale di Messina Giovanni Cavallaro

La politica si dovrebbe fare molte domande ad esempio perché il lavoro del forestale, che è molto faticoso, non è inquadrato come lavoro usurante e come mai c’era un nostro collega che lavorava a 67 anni. Il povero Paolo era ancora idoneo a due mesi dalla pensione. Paolo – prosegue – era un lavoratore instancabile e pur dovendo andare in pensione a settembre, voleva lavorare sempre sul campo e non in un ufficio. La politica dovrebbe interrogarsi anche sulla demonizzazione che spesso è stata fatta sui forestali e sul loro lavoro. Ad esempio Paolo ancora a 67 anni era come la maggior parte dei forestali precario perchè era centounista, cioè lavorava 101 giorni l’anno. Questa situazione anche perché molti politici hanno fatto campagne elettorali e hanno convinto l’opinione pubblica che il nostro lavoro non è indispensabile e che noi eravamo parassiti. In verità il nostro lavoro è fondamentale per l’ecosistema e per salvare molte vite umane. Sarebbe opportuno si rivedessero questi giudizi e la politica dovrebbe intervenire per stabilizzare tanti lavoratori come Paolo“.

L’ASSESSORE CORDARO: “VICINANZA ALLA FAMIGLIA”

“Esprimo profondo cordoglio per la morte dell’operaio del Corpo Forestale a San Filippo Superiore (Messina), Paolo Todaro, mentre stava lavorando per spegnere un incendio. A nome mio e di tutto il Governo regionale, trasmetto la vicinanza personale ed istituzionale alla famiglia”. Questo il commento sulla triste vicenda da parte dell’assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin