Cadono le accuse contro Cicero: archiviata inchiesta per calunnia :ilSicilia.it
Caltanissetta

Caso archiviato

Cadono le accuse contro Cicero: archiviata inchiesta per calunnia

di
11 Giugno 2021

Per l’ex presidente dell’Irsap Sicilia Alfonso Cicero, cadono le accuse di calunnia, manipolazione atti giudiziari, diffamazione, falsa testimonianza e accesso abusivo al sistema informatico.

E’ quanto ha stabilito il Gip del Tribunale di Caltanissetta, Gigi Omar Modica, che ha archiviato l’indagine scaturita da una denuncia presentata nel 2018 da Salvatore Iacuzzo, ex direttore del Consorzio Asi di Caltanissetta nei confronti di Cicero, assistito dall’avvocato Annalisa Petitto.

L’indagine fa seguito alle dichiarazioni rese da Cicero, il 10 luglio 2014, in Commissione Nazionale Antimafia. L’ex presidente dell’Irsap Sicilia, teste chiave nel processo sul Sistema Montante, aveva sostenuto che “il pentito Siino aveva detto che al direttore generale dell’Asi Iacuzzo erano stati prestati dei soldi” accostandone in più occasioni il nome a ditte intestate a “prestanomi di boss mafiosi”.

Il Gip, nella sua ordinanza ha rilevato che Cicero in commissione antimafia non affermò che il noto collaboratore di giustizia Angelo Siino abbia dichiarato di essere a conoscenza del prestito elargito da Di Vincenzo a Iacuzzo. “Cicero – scrive il giudice – si è in gran parte limitato a ripercorrere i contenuti di denunce già sporte alla Procura della Repubblica, documentando quanto affermato con atti processuali o articoli di giornale”. A chiedere l’archiviazione era stato il Pm Maurizio Bonaccorso.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin