Caduta al Giro d'Italia: le strade di Palermo non risparmiano nessuno | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Miguel Angel Lopez

Caduta al Giro d’Italia: le strade di Palermo non risparmiano nessuno | VIDEO

di
3 Ottobre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Tra le curiosità di oggi al Giro d’Italia, si segnala la rovinosa caduta di Miguel Angel Lopez: per lui il giro è finto quasi prima di cominciare.

Il colombiano, favorito alla vigilia per il podio di Milano, durante la cronometro Monreale-Palermo, valida come 1/a tappa, è andato a schiantarsi sulle transenne dopo avere perso il controllo della bicicletta a metà percorso.

Una caduta dovuta ad una scaffa sull’asfalto, probabilmente un tombino.

Il corridore sudamericano è stato soccorso da un’ambulanza. Di certo, non una bellissima figura per la città di Palermo, in diretta tv.

 

IL VINCITORE

Filippo Ganna, con il tempo di 15’24” e alla media di 58,8 km/h, ha vinto la 1/a tappa del 103/o Giro d’Italia di ciclismo, una cronometro individuale disputata da Monreale a Palermo, lunga 15,1 chilometri.  Il piemontese, neocampione del mondo della specialità, è la prima maglia rosa dell’edizione 2020. 

Tra i punti più veloci del percorso, la discesa di Corso Calatafimi, dove Ganna ha toccato la velocità record di circa 106 Km/h.

“Ero uno dei favoriti, ho cercato di sfatare il mito che il favorito non vince e di portare a casa questo risultato. Spero sia di buon auspicio per i prossimi giorni. Indossare questa maglia è una grande emozione. Voglio mandare un saluto alla mia regione, il Piemonte, che ha avuto dei problemi col meteo. Anche oggi, qui, c’era molto vento, ma sono riuscito a gestirlo”. Così Filippo Ganna ha commentato a caldo, ai microfoni della Rai, la conquista della maglia rosa, la prima del 103/o Giro d’Italia di ciclismo, arrivata grazie al successo nella cronometro d’apertura.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.