Caduta e resurrezione. Chi spera nella legislatura flash a Roma :ilSicilia.it

La prospettiva del ritorno al voto

Caduta e resurrezione. Chi spera nella legislatura flash a Roma

di
10 Aprile 2018

Dovrebbero riprendere domani, ma potrebbero slittare di qualche giorno, le consultazioni del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il clima non è certo di grande ottimismo, ma al tempo stesso, sono arrivate da più parti, negli ultimi giorni, diverse significative frenate sul ritorno a voto tra giugno e ottobre.

Eppure anche in Sicilia non manca chi tornerebbe a sperare, tra quanti non sono riusciti a staccare il 4 marzo,  il biglietto per Camera e Senato, nel caso in cui il verdetto venisse riaffidato, a breve, al voto popolare, provando a sottoporsi a una nuova verifica o trovando ospitalità e nuovo spunto per una sfida in un eventuale collegio.

Senza una nuova legge, infatti, tornerebbero a comandare, probabilmente confermando in blocco gli stessi nomi, le segreterie regionali e nazionali, e i vertici, spesso contestati, come nel caso nel Pd a matrice renziana.

Per esempio, anche con margini di riorganizzazione scarsi per tempi, proverebbe a rifarsi l’universo centrista post democristiano che dalle urne in Sicilia ha ricevuto un colpo da KO. Un mondo che prima di questo voto risultava ampiamente consolidato, con radici profonde e consenso strutturato.

I numeri usciti dalle urne non lasciano spazi a molti dubbi. Alla  Camera (Sicilia 1) Noi con l’Italia-Udc si è fermata al 2,99%, e  all’1,77 (Sicilia 2). Al Senato la cifra arriva al 2,2%. Non è andata meglio a Civica popolare, sorta dopo il ritiro di Angelino Alfano che al suo movimento originario (Ncd) aveva dato negli ultimi anni un’impronta fortemente di centro. Alla Camera (Sicilia 1, 0,38% Sicilia 2, 0,59. Al Senato solo lo 0,58%, i numeri di Lorenzin.

Proprio Alfano sceglierebbe forse di prolungare la sua pausa e rimanere in attesa di una riorganizzazione più complessiva.

Ma anche tra i forzisti di Sicilia, primo tra tutti l’ex presidente dell’Ars Francesco Cascio, o l’ex sottosegretario ed ex sindaco di Cefalù Simona Vicari, solo per citare alcuni nomi, potrebbero essere interessati a un ritorno al voto. Tra gli alfaniani, fermo restando ancora lo stop del leader agrigentino in pausa di riflessione per le Europee, come Castiglione, da rivedere anche le ambizioni di Dore Misuraca, confluito nel Pd.

La prospettiva di un voto reattivo potrebbe infatti interessare anche il centrosinistra e il Pd dei territori in conflitto, riaprendo la stagione delle polemiche nel momento in cui i dem devono rifare le strutture nell’Isola dopo la fine del mandato di Fausto Raciti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.