Caduta e resurrezione. Chi spera nella legislatura flash a Roma :ilSicilia.it

La prospettiva del ritorno al voto

Caduta e resurrezione. Chi spera nella legislatura flash a Roma

di
10 Aprile 2018

Dovrebbero riprendere domani, ma potrebbero slittare di qualche giorno, le consultazioni del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il clima non è certo di grande ottimismo, ma al tempo stesso, sono arrivate da più parti, negli ultimi giorni, diverse significative frenate sul ritorno a voto tra giugno e ottobre.

Eppure anche in Sicilia non manca chi tornerebbe a sperare, tra quanti non sono riusciti a staccare il 4 marzo,  il biglietto per Camera e Senato, nel caso in cui il verdetto venisse riaffidato, a breve, al voto popolare, provando a sottoporsi a una nuova verifica o trovando ospitalità e nuovo spunto per una sfida in un eventuale collegio.

Senza una nuova legge, infatti, tornerebbero a comandare, probabilmente confermando in blocco gli stessi nomi, le segreterie regionali e nazionali, e i vertici, spesso contestati, come nel caso nel Pd a matrice renziana.

Per esempio, anche con margini di riorganizzazione scarsi per tempi, proverebbe a rifarsi l’universo centrista post democristiano che dalle urne in Sicilia ha ricevuto un colpo da KO. Un mondo che prima di questo voto risultava ampiamente consolidato, con radici profonde e consenso strutturato.

I numeri usciti dalle urne non lasciano spazi a molti dubbi. Alla  Camera (Sicilia 1) Noi con l’Italia-Udc si è fermata al 2,99%, e  all’1,77 (Sicilia 2). Al Senato la cifra arriva al 2,2%. Non è andata meglio a Civica popolare, sorta dopo il ritiro di Angelino Alfano che al suo movimento originario (Ncd) aveva dato negli ultimi anni un’impronta fortemente di centro. Alla Camera (Sicilia 1, 0,38% Sicilia 2, 0,59. Al Senato solo lo 0,58%, i numeri di Lorenzin.

Proprio Alfano sceglierebbe forse di prolungare la sua pausa e rimanere in attesa di una riorganizzazione più complessiva.

Ma anche tra i forzisti di Sicilia, primo tra tutti l’ex presidente dell’Ars Francesco Cascio, o l’ex sottosegretario ed ex sindaco di Cefalù Simona Vicari, solo per citare alcuni nomi, potrebbero essere interessati a un ritorno al voto. Tra gli alfaniani, fermo restando ancora lo stop del leader agrigentino in pausa di riflessione per le Europee, come Castiglione, da rivedere anche le ambizioni di Dore Misuraca, confluito nel Pd.

La prospettiva di un voto reattivo potrebbe infatti interessare anche il centrosinistra e il Pd dei territori in conflitto, riaprendo la stagione delle polemiche nel momento in cui i dem devono rifare le strutture nell’Isola dopo la fine del mandato di Fausto Raciti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.