23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.02
Palermo

Il crollo nel 2015 uccise un'anziana di 88 anni

Caduta masso Monte Gallo, chiuse le indagini per omicidio e lesioni colpose. Trema il Comune di Palermo

13 Giugno 2018

La Procura ha chiuso le indagini per la caduta del masso dalla parete rocciosa di Monte Gallo che causò, nel 2015, la morte di un’anziana di 88 anni – Ornella Paltrinieri – rimasta schiacciata nella camera da letto della sua abitazione in via Calpurnio, a Palermo.

Escono di scena i due sindaci, Diego Cammarata e Leoluca Orlando, e restano invece gli ex assessori Roberto Clemente, Aristide Tamajo ed Emilio Arcuri, che assieme ad altre 13 persone (tra tecnici del Comune, Rup, progettisti) che sono indagati per omicidio e lesioni colpose.

Secondo la Procura, i politici indagati e i responsabili degli uffici comunali di Protezione civile avrebbero omesso di adottare urgenti interventi non strutturali per la mitigazione del rischio (quali pre-allertamento, informazione e allontanamento della popolazione esposta al rischio) nella aree in dissesto della zona B della parete rocciosa di Monte Gallo, considerata la lunga fase di progettazione ordinaria, i cui lavori rappresentati come “urgenti e necessari” nel 2004 sono stati avviati solo a dicembre del 2015.

L’inchiesta è condotta dai sostituti procuratori Silvia Benetti e Bruno Brucoli.

SFOGLIA LA FOTO-GALLERY IN BASSO

 

Roberto Clemente
Aristide Tamajo
Emilio Arcuri
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.