Caffè, l'Italia al 4° posto nell'export mondiale: piace anche l'espresso siciliano :ilSicilia.it

Caffè, l’Italia al 4° posto nell’export mondiale: piace anche l’espresso siciliano

di
10 Giugno 2019

Il caffè rappresenta uno dei settori industriali più floridi dell’industria agroalimentare del nostro Paese, con caratteristiche endogene che rendono la sua produzione ed esportazione unica rispetto a quella di altri prodotti.

La produzione di caffè è ad esempio soggetta ogni anno a forti sconvolgimenti dovuti ai fenomeni climatici, quali il riscaldamento globale e la siccità, con conseguente rincaro dei prezzi.

Nonostante tali vulnerabilità, dall’inizio del nuovo secolo il mercato del caffè è in piena espansione, con ritmi di crescita produttiva e commerciale elevati. Ed infatti, i dati dell’ICO (International Coffee Organization) riportano per il 2019 un incremento della produzione globale dell’1,5% rispetto al biennio precedente – con Africa e Sud America a trainare tale rialzo – accompagnato a un + 5,7% delle esportazioni globali.

caffeSe il Brasile rimane il paese-simbolo di tale bevanda, nonché il primo produttore al mondo, raggiungendo oggigiorno volumi di vendita all’estero mai raggiunti negli ultimi dieci anni, il mito della “tazzulella ‘e cafè” continua a contraddistinguere, insieme a pizza e mandolino, anche lo status italico, per voler citare gli stereotipi nostrani più “indolori”.

Ma siamo sicuri che il miglior caffè si beva in Italia? È stata questa la domanda attorno alla quale è sorta la recente inchiesta di Report (VIDEO IN BASSO), che ha visto il giornalista Bernardo Iovene e due esperti assaggiatori testare l’espresso in alcuni dei più rinomati bar napoletani, tra cui caffè Gambrinus e la Torrefazione Moreno.

Ebbene, la proposta gastronomica che si celava dietro la celebre “Miscela Segreta” si è rivelata a dir poco deludente: prodotti risultati rancidi e astringenti, chicchi troppo tostati, perdita dell’aroma durante il processo di preparazione, incerta provenienza del caffè.

Tuttavia, i risultati di quest’inchiesta non alterano uno scenario di crescente apprezzamento e rinnovata popolarità del caffè italiano, testimoniato, al di fuori dei confini nazionali, dal 4° posto detenuto nella classifica dei maggiori esportatori mondiali e, a livello di consumi interni, dalla recente proliferazione degli specialty coffee: bar specializzati in cui è possibile trovare caffè dalla provenienza certa (Etiopia, Colombia, Brasile, Ruanda) e in cui i titolari sono giovani e selezionano personalmente il proprio caffè e i loro produttori di riferimento.

E la Sicilia non rimane certo a guardare: realtà come Zicaffè continuano a dire la loro con riguardo alla qualità del caffè e alla crescente affermazione commerciale all’estero. Il loro successo deriva dall’efficace abbinamento di una gestione imprenditoriale fedele alla tradizione familiare (che vede adesso al timone Antonio Zichittella e il figlio Gabriele) ad una mentalità innovativa e aperta alle mutevoli richieste dei mercati internazionali, ove Zicaffè è presente capillarmente, sfruttando le sinergie economiche di numerosi paesi, in primis Marocco e Russia.

A livello sistemico, l’esportazione di questo prodotto richiede il continuo reperimento di concessionari esteri con i quali l’impresa madre possa interfacciarsi per proporre tanto il prodotto finito quanto i macchinari strumentali alla sua preparazione in loco. La complessità del processo di selezione dei concessionari esteri aumenta nella misura in cui si debba affidare a questi la delicata gestione dell’assistenza post-vendita.

Del pari, altrettanto delicato è il reperimento di materie prime che non provengono, come per la maggior parte delle produzioni agroalimentari siciliane, dal patrimonio interno alla regione, bensì da Paesi naturalmente e storicamente predisposti alla loro coltivazione e trasformazione, quali Brasile ed Etiopia.

Tuttavia, per esportare questo prezioso prodotto non c’è nessuna Miscela Segreta a celare la formula del successo, che si spiega unicamente in termini valorizzazione della tradizione e forte propensione ai mercati esteri.

 

Se vuoi saperne di più sull’esportazione del caffè e sui mercati internazionali di riferimento, scrivimi a marcomaria.scaglione@gmail.com

 

L’INCHIESTA DI REPORT:

“Caffè: il buono, il rancido e il ginseng” (del 03/06/2019)

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.