Calamari ripieni, una prelibatezza ai sapori di Sicilia | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Un piatto della tradizione nostrana

Calamari ripieni, una prelibatezza ai sapori di Sicilia

di
20 Agosto 2018

Oggi magnifichiamo i calamari, che hanno il nome con lo stesso etimo di “calamaio”, dal greco kalamos (calamo), che da astuccio per le penne è passato a indicare nel medioevo il vasetto dell’inchiostro, con allusione alla forma del mollusco e al secreto difensivo di colore nero che emette quando è minacciato, analogo al nero di seppia. Insomma, penne e calamaro, invece di penne e calamaio.

Oggi, però, nonostante la mia boutade, non parleremo di un godurioso primo piatto, ma di un secondo da far leccare i baffi pure a chi non ce li ha. Siete pronti a questa nuova ricetta di mamma Patti Holmes? E, allora, si parte.

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 calamari grossi
  • pane grattugiato
  • pecorino grattugiato
  • prezzemolo
  • 8 cucchiai di pomodoro pelato
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio
  • sale
  • pepe

Preparazione

Pulire i calamari e privarli dei tentacoli.

Mettere in una padella dell’olio extravergine d’oliva con uno spicchio d’aglio, fino a farlo imbiondire leggermente. Unire i tentacoli tagliati sottilissimi, farli rosolare e aggiungere 1/2 bicchiere di vino bianco; quando sarà sfumato, 4 cucchiai di pelato e aggiustare di sale. A fuoco spento unire pane grattugiato, formaggio grattugiato e prezzemolo a volontà.

Prendere le tasche dei calamari e riempirle con questa farcia, chiudendo con uno stuzzicadenti per impedirne la fuoriuscita. Mettere in una casseruola olio, gli altri 4 cucchiai di pomodoro pelato, aggiungere un bicchiere di acqua (la salsa deve venire rosata) e, quando comincia a sobbollire, adagiarvi i calamari ripieni. Alzare la fiamma per uno/due minuti e, poi, farli cuocere a fuoco lento con il coperchio, rigirandoli almeno due, tre volte, per 15 minuti. Se il sughino dovesse asciugarsi, aggiungere ancora un po’ d’acqua e sale.

Et voilà, questo secondo delle meraviglie è pronto per essere divorato. Bon appétit.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Cosa porterei con me nel futuro? Di certo una penna,

In un epoca condizionata dall'uso della videoscrittura o dei messaggi sui social io mi tengo stretto la mia penna a sfera e per questo certo che quando i computer andranno in crac la penna continuerà a scrivere fin quando avrà inchiostro.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv