Calampiso chiuso nel 2020. I multiproprietari: "Le promesse erano diverse" :ilSicilia.it
Trapani

Sit-in sotto la sede della società

Calampiso chiuso nel 2020, protestano i multiproprietari: “Le promesse erano diverse” | VIDEO

di
2 Luglio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Niente motivetti al sapore di mare per i multiproprietari del Calampiso Resort.

In questa anomala estate del Covid la stessa spiaggia e lo stesso mare, quello verde-azzurro sotto le scogliere del tratto costiero a 6 chilometri dalla Riserva dello Zingaro e a 10 da San Vito Lo Capo, potranno solo essere un desiderio, da tornare caso mai a realizzare l’anno prossimo. Con tutte le incertezze del periodo e del caso specifico. La struttura, ormai è definitivo, non riapre nel 2020, in controtendenza con tanti altri alberghi siciliani, in particolare le strutture ricettive della stessa San Vito Lo Capo.

Gaetano Cusimano
Gaetano Cusimano

Una decisione assunta conti alla mano dal consiglio di amministrazione della Calampiso spa: “Con la situazione creatasi a causa del coronavirus, ossia un drastico crollo delle prenotazioni, la stima sulle perdite d’esercizio che la struttura subirebbe oscillano fra i 300mila e i 400mila euro.“, dice il presidente Gaetano Cusimano.  C’è però il problema dei rimborsi. Quelli delle somme pagate lo scorso inverno dai multiproprietari del villaggio.

Situazione controversa, a cui si aggiungono particolari riguardanti la gestione di Calampiso, che adesso alimenta il braccio di ferro tra gli amministratori, che attribuiscono la mancata apertura all’insufficiente numero di prenotazioni, e i titolari delle settimane di vacanza che puntano il dito contro l’inadeguata programmazione, la scarsa agibilità della struttura (che ha tra l’altro perso la classificazione 4 stelle alberghiera) e la mancanza delle necessarie autorizzazioni.

Stamattina, azionisti e rogitanti del Villaggio Calampiso si sono ritrovati per un sit-in sotto la sede legale della società, in via Guardione a Palermo.

Guido Cosentino
Guido Cosentino

Quella di tenere chiuso il villaggio questa estate è una decisione che sorprende molto sia noi multiproprietari – alcuni legati a Calampiso da 30 anni – sia quella quota di turisti che avevano già programmato il loro soggiorno con tanto di viaggio di andata e ritorno dalle città di residenza, confidando nell’apertura del villaggio promessa dagli amministratori nel rispetto della normativa anti Covid-19 – spiega Guido Cosentino, rappresentante di Rinascita Calampiso, associazione nata in contrapposizione a una amministrazione del villaggio reputata non soddisfacente -. Un affetto tradito, anche perché in ripetute occasioni abbiamo salvato questo villaggio da possibili fallimenti, rifinanziando la società. Adesso occorre valutare se il Covid sia una ragione effettiva per la chiusura oppure un pretesto per coprire errori o ritardi gestionali”.

Ferdinando Pedone
Ferdinando Pedone

Il riferimento di azionisti e rogitanti è anche al livello di manutenzione degli immobili del resort: “Molto peggiorato – dice Ferdinando Pedone, rappresentante dei rogitanti – diversi immobili hanno le persiane cadenti e bagni mal funzionanti, una situazione che stride con l’oggettiva bellezza del contesto naturalistico e di questa struttura in sé che dal 2015 fa  60.000 presenze annue, di cui due terzi i titolari delle unità turistico alberghiere e un terzo di turisti. È stato fatto anche un piano di ristrutturazione ma a noi comproprietari non consta che i soldi stanziati siano stati spesi“.

Una situazione che stride con l’oggettiva bellezza del contesto naturalistico e di questa struttura in sé: “È stato approntato anche un piano di ristrutturazione ma a noi comproprietari non consta che i soldi stanziati siano stati spesi. Riguardo alla caparra, stando alle direttive europee, è il consumatore che deve scegliere se averla restituita o meno. Nel caso dei rogitanti di Calampiso non si tratta di valori della caparra cospicui, sia va dai 400 ai 1.500 euro“, specificano alla Rinascita Calampiso.

Domenico Damiani
Domenico Damiani

La richiesta dei rimborsi da parte di azionisti e rogitanti ci meraviglia – dice Domenico Damiani, legale della Calampiso spa – Non è vero che la società non li abbia pagati, anzi lo ha già fatto in forma diversa per i titolari debitori, riaccreditando queste somme per compensare altre liquidità negative. I titolari creditori nei confronti della Calampiso spa, invece, riceveranno regolarmente l’importo pagato in inverno o, a richiesta, il voucher. La decisione di tenere chiusa il villaggio è molto sofferta ed è stata presa dopo un continuo monitoraggio da parte del nostro consiglio di amministrazione sin dal periodo del lockdown, con comunicazioni ai multi proprietari che invece sono state continue. Tra l’altro in questi mesi abbiamo avuto numerose richieste per evitare la riapertura. Calampiso non ha grandi spiagge, ma solo concessioni per l’utilizzo di limitate porzioni di scogliera. Tra i nostri compiti, oltre a quello di garantire la vacanza, c’è anzitutto quello di proteggere gli interessi dell’azienda“.

Motivazioni insufficienti per i multiproprietari riunitisi oggi per protestare: “In questo modo la Calampiso spa non si  distingue per corretta comunicazione – insiste Cosentinofinendo per dare una pessima immagine del villaggio anche con i tour operator che vi indirizzano turisti da varie parti d’Italia. A questo punto ci chiediamo se le stesse richieste di venire a trascorrere una vacanza a Calampiso si registreranno in futuro“.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.