Calcestruzzi Belice, si aspetta il responso della Corte d'Appello di Palermo :ilSicilia.it
Agrigento

Oggi la manifestazione promossa dalla Cgil e dalla Fillea-Cgil dal titolo "Salviamo la Calcestruzzi Belice"

Calcestruzzi Belice, si aspetta il responso della Corte d’Appello di Palermo

di
25 Gennaio 2017

Oggi a Montevago (Agrigento) si è svolta la manifestazione promossa dalla Cgil e dalla Fillea-Cgil dal titolo “Salviamo la Calcestruzzi Belice“, azienda confiscata e gestita dall’Agenzia nazionale per i beni sequestrati e confiscati e dichiarata fallita per un debito contratto con l’Eni prima della confisca di 30 mila euro. La vicenda della Calcestruzzi Belice si presenta con troppi paradossi che non si spiegano solo con la leggerezza, le disattenzioni le sottovalutazione del Tribunale, dell’Agenzia e dell’amministratore giudiziario; una trama di azioni operate per determinare il fallimento di una azienda che non ha alcuna ragione per chiudere.

Bilancio e fatturato insieme alla attività in ordine e in attivo, ha detto Luciano Silvestri, responsabile Legalità e Sicurezza della Cgil nazionale. “Il sito ha una potenzialità estrattiva di 8 milioni di tonnellate. Questo dato dice tanto sugli interessi che si possono muovere. Vogliamo vederci chiaro e andremo fino in fondo. Stiamo valutando il ricorso ad un esposto alla Procura. Intanto abbiamo attivato le procedure per impugnare i licenziamenti. Inoltre questo vicenda evidenzia come sia insopportabile il ritardo del Parlamento per approvare in via definitiva, dopo l’approvazione alla Camera, della riforma del Codice Antimafia ispirata dalla legge di iniziativa popolare presentata dalla Cgil. Quelle norme avrebbero impedito di trovarci adesso ad affrontare questa indicibile vicenda“.

calcestruzzi-beliceAspettiamo con fiducia la pronuncia della Corte d’Appello di Palermo sul fallimento decretato in primo grado della Calcestruzzi Belice: il destino di questa azienda deve essere riscritto, anche perché la Cassazione si è pronunciata recentemente ribadendo la piena competenza del Tribunale della Prevenzione sui debiti delle aziende sequestrate e confiscate“. Lo afferma il deputato Pd Davide Mattiello, componente delle Commissioni parlamentari Giustizia e Antimafia, che oggi ha partecipato alla manifestazione. “Ma la questione non si risolve comunque qui: per questo valuteremo un esposto alla magistratura raccogliendo una serie di episodi che riguardano la gestione dell’azienda affinché si verifichi se esistono responsabilità penali. Se per anni ci siamo detti: guai se passa il messaggio ‘con la mafia si lavorava con lo Stato c’è il fallimento’, oggi dobbiamo guardarci dal messaggio ancora più terribile ‘con la mafia lavoravamo, con lo Stato lavorano gli amici’. Infine, è urgente che il Senato approvi definitivamente la riforma del Codice Antimafia: non è possibile che un testo che potenzia l’Agenzia nazionale e impone un maggior rigore nella gestione dei sequestri sia ferma da oltre un anno“, conclude Mattiello, che della riforma del Codice Antimafia è stato relatore di maggioranza alla Camera.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin