Calcio: al Palermo non bastano i sogni, servono solide realtà :ilSicilia.it
Palermo

BISOGNA INTERVENIRE SUL MERCATO

Calcio: al Palermo non bastano i sogni, servono solide realtà

di
11 Dicembre 2019

Settimana tribolata in casa Palermo calcio.

Dopo la sconfitta rimediata contro l’Acireale, la leadership sul campionato della formazione rosanero è tornata in discussione. Traslando un pò chiave calcistica il motto di Roberto Carlino, se fino a qualche settimana fa pensare ad un campionato riaperto era pura utopia, oggi è, di fatto, realtà solida e che incute un certo timore.

Palermo - ACR Messina
Palermo – ACR Messina, foto di Giuseppe Bertolino

La compagine di Rosario Pergolizzi si è rivelata tutto fuorché brillante nelle ultime uscite in campo. Il ruolino delle ultime cinque partite parla di due vittorie, altrettante sconfitte e un pareggio conseguito con il fanalino di coda Palmese. Sette punti in cinque giornate, ritmo che ha permesso il rientro in classifica preponderante del Savoia.

I campani hanno vinto, con merito, lo scontro diretto ed hanno continuato a marciare a ritmo sostenuto. Dopo un inizio di campionato non proprio confortante, la squadra diretta da mister Parlato si trova a -5 dai rosanero, con grosse possibilità di recupero.

La società di Dario Mirri e Tony Di Piazza ha avuto un evidente calo fisico, complice la preparazione sfasata e una serie di infortuni che hanno riempito l’infermeria. Proprio in questo senso, gli infortuni di Santana (rottura del tendine d’Achille) e di Sforzini (il cui rientro in gruppo è previsto a gennaio), impongono al DS Castagnini un pronto ed immediato intervento sul mercato.

LA COPERTA E’ CORTA

La coperta del Palermo è davvero corta, soprattutto a centrocampo.

Martin non ha ricambi di livello, in quanto Mauri non si è dimostrato all’altezza. Langella è in calo rispetto all’inizio di stagione, costringendo Kraja e Martinelli agli straordinari.

Palermo - ACR Messina
Palermo – ACR Messina, foto di Giuseppe Bertolino

In attacco, Ricciardo non trova la via del gol già da un mese e la lunga squalifica di Ficarotta ha imposto rotazioni forzata a Felici ed Ambro.

A questo si aggiunge la pessima prestazione di domenica di Doda e Vaccaro, sempre in ritardo nelle sovrapposizioni e nelle diagonali. I terzini sembrano affaticati e un po di riposo non gli farebbe male.

Una cosa è certa. Nell’ultimo periodo si è parlato della Serie C come un traguardo già acquisito, quando invece il campionato è tutto fuorché finito. Bisogna tornare con i piedi per terra e ritrovare quell’allineamento con la tifoseria che in questo momento specifico sta un po traballando un po come il seggiolino in panchina di Pergolizzi.

Non è un mistero che l’allenatore rosanero non convince, ma fino a qualche settimana fa i risultati erano dalla sua parte. Oggi però il gioco diventa una necessità per supplire alle barricate degli avversari. Se la partita persa con l’Acireale rappresentava uno spartiacque della stagione, adesso le sfide contro Castrovillari e Troina diventano fondamentali per tenere il Savoia a distanza.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.