13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.09
Trapani

I GRANATA CONQUISTANO LA PROMOZIONE

Calcio: bentornato Trapani, la Serie B è raggiunta | VIDEO

16 Giugno 2019

Guarda il video in alto

Il Trapani ha battuto per 2-0 il Piacenza, nel match di ritorno della seconda finale play-off promozione. I granata conquistano così la promozione in Serie B, a distanza di due anni dalla loro amara retrocessione. Per i ragazzi di mister Vincenzo Italiano sono state settimane difficili, segnati dalle polemiche e dalle vicissitudini economico – finanziarie della società trapanese. La partita si è svolta in uno stadio Provinciale pieno in ogni ordine di posto. I tifosi del Trapani hanno esposto uno striscione ad inizio partita, riportante la scritta “Incuranti del futuro, godiamoci il presente con i brividi del sangue“, proprio per spronare la squadra a dimenticare le polemiche e a guardare soltanto al risultato sportivo.

Mister Italiano ha schierato la sua squadra con il suo classico 4-3-3, affidandosi al trio Nzola, Tulli e Ferretti in attacco. Il Piacenza si è posto in campo con un 3-5-2 abbastanza chiuso, putando a colpire in contropiede. Dopo lo 0-0 dell’andata, è evidente che è il Trapani a dover fare la prima mossa, avendo a disposizione un solo risultato su tre. I granata partono forte ed impegnano subito il portiere piacentino Fumagalli, prima con una conclusione di Corapi e poi con un tiro ravvicinato di Nzola.

Al 21′ il Trapani passa in vantaggio con Nzola, lesto a battere a rete di destro su un palla a campanile in area di rigore. Il Piacenza prova ad alzare il suo raggio di azione, ma è sempre il Trapani che ci prova in maniera più incisiva. Il primo tempo si chiude sul 1-o per i padroni di casa.

Nella ripresa il Piacenza ci prova in maniera più aggresiva, ma è sempre il Trapani a rendersi più aggressivo con Corapi, il più intraprendente dei suoi.  L’unica occasione degna di nota del Piacenza giunge al 65′, con Perez che mette a ferro e fuoco la difesa granata ma, sul suo cross, Corsinelli è in ritardo ma non riesce a deviare in porta. In campo si susseguono i cambi, mentre il cronometro scorre inesorabile.

Al minuto 84′ arriva l’azione che decide il match. Sempre il solito Corapi batte un calcio piazzato, che trova in area Taugourdeau, lesto a deviare in porta e a trovare il gol del 2-0. Al Provinciale inizia la festa, il Trapani è in Serie B. La partita termina dopo otto minuti di recupero, con le polemiche delle ultime settimane che cedono il passo alla gioia e alla voglia di festeggiare. Immediatamente dopo la partita, migliaia di tifosi del Trapani si sono riversati nelle strade del capoluogo per festeggiare il traguardo raggiunto.

Nella prossima Serie B quindi torna il derby siciliano fra Trapani e Palermo. La Sicilia avrà quindi un’altra rappresentante nella prossima Serie B.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.