Calcio, Boscaglia si presenta ai tifosi del Palermo: "Felice di essere qui" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

LE SUE PRIME PAROLE IN ROSANERO

Calcio, Boscaglia si presenta ai tifosi del Palermo: “Felice di essere qui” | FOTO

di
19 Agosto 2020

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Prima uscita di Roberto Boscaglia da allenatore del Palermo.

Il tecnico, originario di Gela, ha pronunciato le sue prime parole ufficiali nel corso della conferenza stampa svoltasi nella sala stampa dello stadio Renzo Barbera. Un mister navigato in Serie C, che ha già vinto più volte la categoria.

Il tecnico sarà coadiuvato dal vice allenatore Giacomo Filippi, dai preparatori atletici Marco Nastasi e Marco Petrucci, nonché dal preparatore dei portieri Michele Marotta.

Ad oggi il mercato non ha regalato grandi emozioni. Saraniti, Valente e il neacquisto Ivan Marconi, arrivato dal Monza, sono degli ottimi comprimari ma non degli uomini di punta. Ma il tecnico, che ha sposato il progetto di Dario Mirri e Rinaldo Sagramola, è fiducioso per la stagione che verrà.

Ad introdurre il tecnico ci ha pensato proprio l’amministratore delegato, che ha risposto alle domande dei giornalisti sul mercato e sulla stagione. Presente anche il direttore sportivo Renzo Castagnini. Ad accompagnare l’evento, anche una cornice di pubblico, che occupava i posti del bar sottostante.

Primo impegno ufficiale di Roberto Boscaglia sarà il primo giorno di ritiro a Petralia, previsto per il 24 agosto. Un’adunata che non avrà la cornice di pubblico dello scorso anno, a causa dell’emergenza coronavirus.

LE PAROLE DI ROBERTO BOSCAGLIA

Sono felice di essere qui. Prima di tutto in quanto siciliano. Palermo rappresenta un’eccellenza in Sicilia, Palermo è Palermo. Non sarà facile questa stagione, ma daremo il 101%. Questo ci stimola a fare bene“.

Ci sono tanti fattori che incidono, ma squadra e societá sono fondamentali. Conta anche il calendario, che ti può dare quei quattro, cinque punti che fanno la differenza“.

Sul modulo, il tecnico risponde così alle domande che vorrebbe il club rosanero giocare con il 4-3-1-2.

La società già sa quello che mi piace, come mi piace giocare. Giocheremo con una difesa a 4 ma varieremo a seconda dei casi. Dobbiamo guardare anche agli avversari“.

Infine, non manca una battuta sui tifosi del Palermo, che non potranno seguire la squadra, almeno nelle prime giornate di campionato.

Sappiamo che abbiamo una tifoseria spaziale che ama questi colori. Purtroppo sarà per tutti così. Dobbiamo dare comunque fondo a tutte le nostre energie“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin