Calcio, buona la prima per i rosanero: il Palermo vince a Marsala | LE PAGELLE :ilSicilia.it
Palermo

Ricciardo sbaglia, ma Lucera rimedia

Calcio, buona la prima per i rosanero: il Palermo vince a Marsala | LE PAGELLE

1 Settembre 2019

Il Palermo sbanca il Lombardo Angotta, battendo il Marsala per 1-0 grazie al gol di Lucera. I rosanero vincono una partita sofferta, soprattutto nel primo tempo. Il rigore sbagliato da Ricciardo poteva condizionare la partita, ma i giocatori di mister Rosario Pergolizzi mantengono la calma e chiudono il match nel momento decisivo della partita.

Circa 7.500 i biglietti staccati dai botteghini del Marsala calcio, mentre da Palermo si sono mossi circa tremila tifosi rosanero, un vero record per la categoria.

1 giornata campionato serie D, Marsala-Palermo
Marsala – Palermo: Foto di Fabio Lana

Problemi di affluenza nel prepartita, con i tifosi rosanero che si sono riversati all’ingresso dell’impianto marsalese cercando di entrare in tempo per la partita. Da segnalare che per la prima volta dopo anni, la CNI, la Curva Nord 12 e gli UCS hanno cantato insieme in curva.

Il terreno dello stadio Lombardo Angotta si presenta in condizioni accettabili, anche se le chiazze di terra erano evidenti agli spettatori presenti in tribuna.

LE FORMAZIONI

PALERMO (4-3-1-2): 1 Pelagotti, 24 Crivello, 4 Accardi, 23 Doda, 6 Martinelli (cap.),19 Lancini, 8 Martin,  33 Langella, 73 Kraja, 75 Felici, 9 Ricciardo. All. Rosario Pergolizzi.

MARSALA (4-3-3): 1.Russo, 6.Monteleone, 13.Montuori, 2.Lo Iacono, 21.Lauria, 15.Lorefice, 9.Balistreri (cap.), 25.Manfrè, 10. Ficarotta, 23.Rizzo, 27.La Vardera. All. Vincenzo Giannusa.

PRIMO TEMPO

Pergolizzi schiera un modulo inedito, con Rizzo in panchina e Langella e Martinelli invertiti di ruolo. Al 2′ occasione per Lancini, che su angolo di Martin colpisce di piatto, ma il pallone si spegne alto sulla traversa. Tre minuti dopo arriva la replica del Marsala: su azione d’angolo Monteleone colpisce in rovesciata in area, para Pelagotti centrale. La partita è molto intensa e i falli abbondano. Al 6′ ammoniti Lancini e Manfrè per reciproche scorrettezze. Al 11′ percussione di Langella che perfora la difesa avversaria, ma Monteleone anticipa Ricciardo e sventa la minaccia.

Crivello soffre tanto Ficarotta sulla sinistra, il quale spadroneggia sulla fascia. Sull’ennesimo angolo di Lorefice, Monteleone si rende ancora pericoloso colpendo al volo di destro, palla alta sulla traversa. Al 20′ punizione pericolosa dal limite: la barriera ribatte ma Martin è lesto e calcia di sinistro. Il tiro però è debole e Russo para senza problemi. Al 25′ Crivello ruba un pallone pericoloso in area, ma il portiere azzurro respinge d’istinto di piede.

Al 34′ Montouri spinge in area Kraja, l’arbitro non ha dubbi, è rigore. Sul dischetto si presenta Ricciardo, che però calcia malissimo all’angolino basso concedendo a Russo la parata salva risultato.

Marsala-Palermo, rigore parato
Frame: LaTr3

Al 41′ Ficarotta si rende ancora protagonista di un episodio di intemperanza, allontanando il pallone irregolarmente. L’arbitro questa volta lo ammonisce. Al 43′ Martinelli raccoglie una respinta corta degli avversari calciando al volo di sinistro, ma la palla esce a lato. Un minuto dopo è Martin a tentare la conclusione dalla distanza, ma palla sfila di poco a lato della porta di Russo. L’arbitro decreta la fine del primo tempo dopo due minuti di recupero, il risultato rimane bloccato sullo 0-0

SECONDO TEMPO

Nella ripresa appare un timido sole sullo stadio di Marsala, che sembra quasi sorridere ai padroni di casa. Dopo nemmeno un minuto Lorefice infila i centrali rosanero ed ha l’occasione per spezzare l’equilibrio della partita, ma calcia centrale e Pelagotti salva il risultato. Al 51′ Felici si muove bene sulla linea del fuorigioco, rientra bene sul destro e calcia a giro, ma la palla si alza sulla traversa.

Intorno al 60′ i tifosi del Marsala espongono uno striscione “Gli anni passano, l’amicizia resta. Marsala abbraccia Palermo“. I rosanero calano vistosamente dal punto di vista fisico. Al 65′ primo cambio dei rosanero: entra Lucera, fuori Kraja. Due minuti dopo grande occasione per Ficarotta, che supera per l’ennesima volta Crivello e calcia di sinistro, ma la palla sorvola la traversa. Al minuto settanta bella incursione del nuovo entrato Lucera, che di sinistro calcia forte ma trova pronta la risposta di Russo. Dopo l’occasione rosanero, cambia nel Marsala: esce Lauria, entra Ferchichi.

Al 78′ giallo per Accardi per un fallo netto su Ficarotta. Al mintuo ottanta grande occasione di Ricciardo che di testa gira verso la porta, ma Russo risponde miracolosamente.

Due minuti però il Palermo passa in vantaggio. Lucera beffa Rizzo e recupera un pallone che stava uscendo sul fondo. L’attaccante rosanero si accentra e beffa il portiere del Marsala. Sul gol però c’è il giallo di un pallone lanciato in campo da uno steward, che quasi sfiora quello in possesso di Lucera. Al Lombardo Angotta però il risultato cambia, Marsala – Palermo 0-1. Doppo cambio in entrambe le squadra: nel Marsala entrano Ogbebor e Castrovilli, escono Balistreri e La Vardera, mentre nel Palermo dentro Vacccaro e Santana, fuori Ricciardo e Langella. Nel recupero il Marsala ci prova, ma ormai è troppo tardi: i rosanero sbancano il Lombardo Angotta 0-1.

COMMENTO

I rosanero ottengono i primi tre punti della stagione, soffrendo non poco sul campo del Marsala. Bene Felici e Langella, male Ricciardo apparso ancora lontano dalla forma migliore. Decisivo l’ingresso in campo di Raimondo Lucera, il quale realizza il gol partita e porta i suoi compagni alla prima vittoria in campionato.

LE PAGELLE

PELAGOTTI 6: Ordinaria amministrazione per il portiere rosanero. Quando è stato chiamato in causa ha risposto presente.

ACCARDI 6: Ha dovuto far fronte alla sofferenza del compagno di squadra Crivello. Bravo ad intervenire deciso e col tempo giusto.

DODA 5,5: Difende bene la sua zona di competenza, ma spinge veramente poco.

CRIVELLO 5: Soffre troppo le percussioni di Ficarotta sulla sinistra. Salvo qualche incursione offensiva, il giocatore ex Frosinone appare ancora fuori condizione.

LANCINI 5,5: Bene in fase offensiva ma troppo nervoso e scorbutico in campo. Si prende il giallo per un battibecco e gioca una partita gravato dal cartellino, rischiando più volte il secondo giallo. Da rivedere

MARTINELLI 6: Si limita a fare il compitino, calciando ogni tanto dalla distanza.

LANGELLA 6,5: Il più intraprendente del centrocampo rosanero. Bravo, soprattutto nei primi venti minuti del primo tempo, a penetrare la difesa avversaria come il burro.

KRAJA 6: Bravo ad inserirsi nelle pieghe della difesa del Marsala, anche se poco coadiuvato dai compagni di squadra.

MARTIN 6: Propone delle buone geometrie quando chiamato in causa, anche se sparisce per alcuni tratti della partita.

FELICI 6,5: Si procura il rigore, poi sbagliato da Ricciardo, e si propone spesso in attacco. Senza dubbio il migliore dei rosanero in campo.

RICCIARDO 4,5: Mai in partita, al di là del rigore sbagliato. L’attaccante rosanero pare ancora affaticato dalla preparazione, servirà ancora tempo per vederlo al top della forma.

LUCERA (dal 65′) 7: Il suo ingresso in campo cambia volto alla partita. Oltre al gol dello 0-1, si propone sempre e con continuità. Decisivo.

SANTANA (dal 88′) s.v.

VACCARO (dal 88′) s.v.

PERGOLIZZI 6: Formazione iniziale con troppe sorprese, ben ordinata dal punto di vista tattico ma poco incisiva dal punto di vista offensivo.  L’allenatore rosanero riesce poi a gestire bene il calo fisico dei suoi, indovinando il cambio partita con Lucera.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.