Calcio Catania, confermato il bando. Pogliese: "Garanzia di trasparenza" :ilSicilia.it
Catania

LE PAROLE DEL PRIMO CITTADINO

Calcio Catania, confermato il bando. Pogliese: “Garanzia di trasparenza”

di
17 Luglio 2020

Il sindaco Salvo Pogliese si ritiene soddisfatto della decisione, emessa dal Tribunale del capoluogo etneo, di confermare il bando per la vendita delle quote del Calcio Catania.

Nonostante le note vicende riguardanti Finaria, le procedure di vendita vanno avanti. Ricordiamo infatti che la holding di Nino Pulvirenti, proprietaria del 95% delle azioni, è stata dichiarata fallita.

Come si legge nella premessa, il Tribunale ha “ritenuto che nel caso a mano l’urgenza è da rinvenirsi nell’imminente pericolo di perdita del titolo sportivo, connessa alle imminenti scadenze degli adempimenti relativi alla partecipazione al campionato” e che “valutate le superiori ragioni di urgenza, si ritiene opportuno autorizzare la richiesta procedura competitiva“.

Inalterati la base d’asta, fissata in 1.304.000,00 euro, e il termine ultimo per le offerte irrevocabili, da presentare entro le 12 del 22 luglio. Confermato anche che la procedura competitiva avrà luogo alle 11 del giorno seguente, 23 luglio, presso l’Aula di udienza del giudice delegato, Alessandra Bellia, nel Palazzo di Giustizia di Catania.

LE PAROLE DI SALVO POGLIESE

In una nota diffusa alla stampa, il primo cittadino dichiara quanto segue.

Siamo particolarmente felici che il Tribunale abbia confermato il bando di vendita del Calcio Catania – sottolinea Pogliese -. Fin dall’inizio abbiamo considerato questa procedura come massima espressione di legalità e trasparenza per salvare la matricola 11700 e i 74 anni di passione rossazzurra che segnano la vita della comunità cittadina“.

I buoni propositi della Sigi per acquisire il titolo, che abbiamo personalmente verificato in più occasioni, ci lasciano ben sperare nella conclusione positiva di una tormentata vicenda e allontanare definitivamente lo spettro del fallimento”.

Un messaggio rassicurante nei confronti della tifoseria etnea, che attende con ansia la parola fine su questa vicenda.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.