Calcio Catania: il tribunale pubblica il bando per la vendita :ilSicilia.it
Catania

i dettagli

Calcio Catania: il tribunale pubblica il bando per la vendita

di
3 Luglio 2020

Il Calcio Catania è ufficialmente in vendita. La sezione fallimentare del Tribunale di Catania ha pubblicato oggi l’ordinanza che apre la procedura competitiva di acquisto del sodalizio rossazzurro, le cui azioni fanno capo per il 95% alla holding Finaria.

Il prezzo base per l’asta è stato indicato in un milione e 304 mila euro, cifra determinata dal 95,4% delle azioni del club per un totale di 954 mila euro e da tutti i beni di proprietà di Finaria Spa in uso al centro sportivo Torre del Grifo per un valore di 350 mila euro. Il termine ultimo e perentorio per presentare offerta irrevocabile è stato fissato per le 12 del 22 luglio prossimo.

Il giorno seguente, il 23 luglio alle ore 11, avrà luogo il procedimento competitivo davanti al giudice delegato e alla presenza dei commissari giudiziali. Al momento l’unico soggetto che ha manifestato il proprio interesse a rilevare il Calcio Catania è Sigi, società per azioni rappresentata dal segretario generale della Fidal Fabio Pagliara e dall’ex tecnico rossazzurro Maurizio Pellegrino, ma non è escluso che altri potenziali acquirenti possano farsi avanti nei prossimi giorni.

La dichiarazione del sindaco 

“Con la pubblicazione del bando di evidenza pubblica da parte del Tribunale si sono finalmente poste le basi solide per salvare la matricola 11700 e la categoria di militanza del Calcio Catania. Tutto dovrà avvenire nella massima trasparenza affinché il passaggio dei proprietà avvenga con le garanzie necessarie a tutelare la storia e la tradizione della società rossazzurra e ritornare in breve tempo ai livelli che le competono”. Lo dice il sindaco di Catania Salvo Pogliese.

“In queste settimane abbiamo registrato il senso di responsabilità della Finaria – spiega – e in particolar modo dei suoi legali ma anche dell’amministratore unico del calcio Catania Gianluca Astorina, che non si sono arroccati su posizioni pregiudizievoli, ma anche la ferma volontà e determinazione dei soci della Si.Gi. a voler rilevare il club con un impegno fattivo. Tra venti giorni conosceremo i nuovi acquirenti, a conclusione di una procedura limpida e nella massima legalità, presupposti indispensabili per fare crescere una nuova società con obiettivi ambiziosi come tutti auspichiamo”.

“Intanto – conclude – domenica prossima per il secondo turno dei play off ci aspetta una sfida sportiva difficile ma non impossibile. La generosità dei tifosi che si stanno autotassando dimostra, ancora una volta, che essi rappresentano un patrimonio inestimabile che va tutelato con ogni forza e risorsa disponibile. Siamo consapevoli che questi tifosi meritano molto di più che le tribolazioni di questi ultimi anni e per questo siamo in campo con loro, in prima linea per risorgere più forti di prima: insieme ce la faremo”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.