Calcio: Corigliano-Palermo si gioca a Rossano? Mangiapane: "Daremo l'anima" :ilSicilia.it
Palermo

UNA PARTITA CROCEVIA

Calcio: Corigliano-Palermo si gioca a Rossano? Mangiapane: “Daremo l’anima”

di
3 Marzo 2020

Dopo la vittoria rotonda conseguita contro il Nola, il Palermo si appresta ad affrontare la sfida contro il Corigliano, valevole per la 27ª giornata del campionato di Serie D. Un match da non sbagliare per gli uomini di Pergolizzi, attesi dallo scontro diretto contro il Savoia il prossimo 22 marzo.

Una sfida che si giocherà con la presenza dei tifosi rosanero. Qualche dubbio era sorto a seguito delle valutazioni dell’Osservatorio, che ha ritenuto di classificare la partita come “a rischio”. Tuttavia, la vendita dei biglietti è stata tranquillamente aperta, anche se all’acquisto dei tagliandi i supporters dovranno munirsi di documento d’identità.

Dubbi anche sul campo su cui si giocherà la partita. Il Corigliano, oltre al terreno del proprio comune di appartenenza, ha giocato qualche partita sul sintetico dello stadio Rizzo di Rossano Calabro, che garantisce anche una maggiore presenza di pubblico. Probabile che si opti per questa seconda soluzione.

CONOSCIAMO IL CORIGLIANO, LE PAROLE DI MISTER BENEDETTO MANGIAPANE

La formazione calabrese si trova al quart’ultimo posto in classifica, con 25 punti all’attivo. Una compagine, quella di mister Benedetto Mangiapane, che cerca di agguantare punti importanti, in primo luogo, per la salvezza, ma soprattutto per la poule play-out, visto che conterà anche al posizione al termine del campionato.

Benedetto Mangiapane, allenatore Corigliano

Certamente, il calendario non sembra essere alleato del Corigliano. Nello scorso turno di campionato, i calabresi hanno dato filo da torcere al Savoia, portandosi anche inizialmente in vantaggio. Poi, qualche errore difensivo ha punito i prossimi avversari del Palermo, relegandoli alla sconfitta per 3-1.

Ma il tecnico, originario di Alcamo, non si lascia demoralizzare e ai nostri microfoni dichiara: “Il nostro calendario non è bellissimo, ma le partite non si perdono prima di essere giocate“.

Sulla sfida contro gli oplontini, il mister aggiunge che “per chi la partita non l’ha vista, può sembrare un risultato assurdo. Vedere il Savoia non fare un tiro in porta per lunghi tratti della partita la dice lunga sul campionato di Serie D. La distanza di 30 punti in classifica non si è affatto vita. Abbiamo pagato alcune ingenuità difensive. I ragazzi hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo e questo può solo darmi fiducia“.

Con riguardo al prossimo avversario, il tecnico prova a motivare i suoi ragazzi: “Probabilmente si giocherà a Rossano, un campo in erba sintetica che consente un migliore giro palla. La partita contro il Palermo è una sfida che si carica da sola. I ragazzi sono un pò avvelenati dopo la sfida dell’andata. Non parlo ovviamente dei tifosi, che meritano altri palcoscenici, ma del risultato. In quella partita ci sono stati alcuni problemi, i giocatori erano deconcentrati“.

Sulla gara di domenica, Mangiapane ha già chiaro l’obiettivo: “Abbiamo bisogno di fare punti, daremo l’anima“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.