Calcio, Ferrero vuole il Palermo: "Abbiamo i colori più belli del mondo" :ilSicilia.it
Palermo

L'IMPRENDITORE ROMANO IN ARRIVO IN CITTA'

Calcio, Ferrero vuole il Palermo: “Abbiamo i colori più belli del mondo”

10 Luglio 2019

Il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero é arrivato oggi a Palermo da Fiumicino. Ferrero si sarebbe intrattenuto con alcuni passeggeri in volo, dichiarando che stava arrivando in città «per il Palermo».

Ferrero sarebbe pronto a formalizzare la propria disponibilità a rilevare il titolo sportivo del Palermo, che dopo la mancata iscrizione al campionato di Serie B sarà con tutta probabilità destinato a ripartire dalla D.

La decisione sulla definitiva esclusione del Palermo Calcio dal prossimo campionato cadetto arriverà nella giornata di venerdì, quando il Consiglio Federale della FIGC si riunirà per presentare le squadre che prenderanno parte ai prossimi campionati.

L’attuale proprietario della Sampdoria, si è poi soffermato sulle ragioni di una passione per il Palermo che sarebbe scaturita dai colori sociali. «Abbiamo i colori più belli del mondo, i colori ra fimmina» ha detto Ferrero in dialetto siciliano, salvo poi smentire con una nota all’Ansa: “Non ho mai detto quello che erroneamente è stato riportato. Ad alcuni viaggiatori del Roma-Palermo ho solo detto che la Samp ha i colori più belli del mondo e il Palermo ha i colori delle femmine e delle rose”.

La discussione sui colori sociali è poi proseguita tra Ferrero e altri passeggeri che hanno spiegato all’imprenditore romano che il Palermo indossa il rosanero dal 1907, anno in cui si fece seguito a un carteggio tra dirigenti dell’epoca che misero in pratica quanto suggerito da Vincenzo Florio, autore del motto «Rosa come il dolce, nero come l’amaro», associando gioie e dolori calcistici a due liquori da lui prodotti.

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.